giovedì 2 gennaio 2014

La retta via


Insomma, stanotte non ho smesso di sognare un minuto. Quei sogni a puntate che appena finisci ricominici.
Li ricordo tutti in modo vago, tranne uno.

Seduta in cucina medito se costituirmi o meno, mentre guardo assorta una specie di libretto scolastico in cui sono elencati alcuni piccoli reati da me commessi. Nessun omicidio, per capirci.
Li osservo, fra il perplesso e il compiaciuto, come avessi fra le mani la collezione completa dei bollini della Coop. Questo è fatto, questo è fatto, questo pure.
Però, in cuor mio so che devo costituirmi. Considerato che sarebbe brutto  vedere i carabinieri fare irruzione in casa (la vicina, prossima a togliermi il saluto, potrebbe venir meno), decido di presentarmi al commissariato.
Consegno il mio libretto al maresciallo, che mi guarda con disprezzo.
"Adesso hai proprio la fedina penale sporca". 
Io sorrido vaga, e con una punta di soddisfazione replico: "lo so, mi va bene così".

E pensare che da piccola leggevo i gialli per ragazzi. Che la mia massima aspirazione era fare l'investigatrice. Che un giorno, in uno slancio d'amore per la dea Iustitia e la lotta al crimine, chiamai un detective privato, selezionato dall'elenco telefonico, e mi proposi come novello Watson.
A questo punto, sono irrimediabilmente persa.

21 commenti:

  1. Allora ti consiglio l'ultimo della Allende, lo sto leggendo: Il gioco di Ripper.
    Come lei nessun'altra. È un pozzo di storie e personaggi stravaganti, quasi surreali, un po' onirici e oltre.
    Non è una giallista, ma nell'ultimo sfoggia delitti e molto altro ancora.
    Una racconta storie unica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto diverse cose sue. Alcune straordinarie, altre troppo aeree per una come me, che nelle storie cerca elementi di solidità.
      Però mi sembra di capire che questo ultimo romanzo sia piuttosto concreto...

      Elimina
    2. Devi prendere il suo "Paula" come uno spartiacque (libro in cui racconta la morte di sua figlia, drammatico, forte, immensamente Allende old-style in ogni parola).
      Quelli prima, sono ahahahah mooolto aerei.
      Quelli dopo si possono ricondurre alla vita reale.

      Elimina
  2. ...beh una grandiosa attività onirica la tua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A fasi alterne...ma quando sogno, sogno in grande :)

      Elimina
  3. Nessuna giuria e nessun tribunale potrebbero condannarti, anche se palesemente colpevole ^^ soprattutto, anche accadesse, nessuna cella potrebbe contenere il tuo spirito così libero :)

    Ciao maestra :)

    RispondiElimina
  4. Wow.
    Questa me la stampo per i delatori... :))))

    RispondiElimina
  5. Che hai mangiato la sera peperoni crudi o sei la solita anima irrequieta?

    Buona giornata cara Gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che accadrebbe anche dopo un digiuno :)
      Ciao!!!! ;)

      Elimina
  6. Sogno tanto anche io. Faccio l'investigatore ogni giorno, quando cerco di capire le esigenze dei clienti, che spesso non sanno esprimere nemmeno un semplice concetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri :)
      Tempi duri per chi vende...

      Elimina
  7. Avevi cambiato letto e allora ti rimaneva difficile dormire
    anche io quando cambio letto dormo poco
    Venendo al sogno mi vien da dire che ci sono talmente tanti farabutti con la fedina pulita che forse si è più onesti ad averla sporca
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, blog nuovo, casa nuova, letto nuovo :))
      Sei forte

      Elimina
  8. Gioia, ma perché questo cambio di location?
    Io ti seguo uguale e cazzi.
    Bacini, buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché...sentivo così.
      Bacini Astro bella

      Elimina
  9. Mai oscurare i sogni, mai... Chissà cosa dice di te quel sogno ancora da fare.
    Stanotte ho sognato che litigavo con due donne...per colpa di uomo.
    Quell'uomo che mi sono imposta di non cercare, onde evitare di spargere sangue ;-)
    Baciiiiiii :-****

    RispondiElimina
  10. Pochi sogni ricordo al mattino (nessuno è abile come me nel rimuovere), ma qualche giorno fa ho sognato che dovevo andare a fare un esame, con un treno paurosamente in ritardo, ma tra me e me dicevo che ero contenta di non arrivare in tempo, perché non avevo nessuna voglia di farlo quell'esame. ;-) che vorrà dire?
    Il compiacimento per la collezione completa dei bollini della coop è una stupenda immagine.. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara :)
      E' sempre bello sapere che passi. E che ti fermi.
      C'è un filo, e lo sappiamo.
      Ti abbraccio
      P.s. avrei delle interpretazioni "troppo facili" per quel sogno:))))

      Elimina
  11. mi sa che c'è qualcuno che batte l'astrusità dei miei sogni.... :-)

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros