venerdì 17 gennaio 2014

Fare e non fare

Ho voglia di cucire. Come quella volta del vestito bianco e quell'altra, della gonna fatta con la stoffa colorata dell'Ikea.
Cucire, come cucinare, lavorare con il legno, dipingere, mi danno l'impressione di un fare produttivo, concreto, che partorisce cose. Una torta, un appendino, un centrotavola, una sciarpa. Quando hai finito fai un passo indietro e guardi soddisfatto il frutto delle tue fatiche. Poi lo mangi, lo indossi, lo utilizzi. Niente seghe mentali: spazio all'azione, al corpo.
Nella mia esistenza ideale faccio la maestra, e fin qui ci siamo. Alle 13.30 salgo sul mezzo e raggiungo il mio luogo ameno. Stop. Nient'altro.
Dove sta la dimensione onirica, fantastica ed irraggiungibile, si potrebbe dire?
Esattamente lì, nel luogo ameno. Una stanza piena di luce affacciata sul verde, munita di grande cucina, tavolone da lavoro, e un divano-zattera sul quale dormire, mangiare, leggere, guardarsi un film, scrivere, ascoltare musica, prendere e dare abbracci.


Spesa due volte al mese e pane fresco preso al volo, prima di rintanarsi a casa.
A sorpresa arrivano gli amici, le persone care, si versano un bicchiere di vino rosso, si mettono su un caffè, e stanno quanto vogliono.
Curioso, avevo aperto con un'esortazione al "fare".
E chiudo accarezzando (ora più che mai) il mio luogo pigro e dolce del "non fare".
Immagino che abbia un senso.

20 commenti:

  1. ora capisco perchè non ti vedi a Milano ! :-)

    RispondiElimina
  2. ma brava teacher, cucire da una gran soddisfazione .... tra breve affronterò il discorso tende dell'ingresso, ...  per la sciarpa invece ... ma hai visto cosa ci combina la Casey Jenkins, ma pensa te se lo avesse saputo la mia anziana vicina di casa ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come diceva la Litizzetto domenica...questa sciarpa è davvero una figata!! :))

      Elimina
    2. ne sai una più del tavolo tu! ;)

      Elimina
  3. Ci assomigliamo anche in questo fare e non fare... una giusta alchimia che dà spazio alla creatività e alla pigrizia... si si.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello ti leggo Daffus. Mi ritrovo :)

      Elimina
  4. Ma hai fatto una camicia o una casacca con la seta verde? Ti sarebbe cosi' bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh...ti conosco mascherina!!!!!! :))
      Guarda, mi è tornata adesso la voglia di ricominciare con ago e filo. Sicuramente è il momento per riprenderla in mano ;)
      Baci e baci

      Elimina
  5. Non c'è niente di più utile e bello del creare ed essere produttivi. Purtroppo, dopo aver cucito alcuni abiti personalizzati, la mia macchina da cucire si è rotta....
    Buon lavoro Gioia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "personalizzati" Sedanina? Caspita.
      Con le tue cifre? :)

      Elimina
    2. No Gioia cara, nessuna cifra, soltanto abiti disegnati da me!

      Elimina
  6. Ha senso Gioia, ha assolutamente senso ;) e che bello quel divano, uno così l'ho sempre desiderato.. e prima o poi.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già raccolto informazioni: per me è inaffrontabile! Devo risparmiare anni... :)))

      Elimina
  7. Fare e non fare, se non ci fossero contraddizioni non faresti parte del genere umano,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se invece fossi un po' talpa? Così sotterranea?
      ;)

      Elimina
  8. Divano-zattera....mmmm :-)
    Sdraiata pigra con birra in mano
    Good

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros