mercoledì 22 gennaio 2014

E faremo anche questa


C'era una volta Cappuccetto Rosso.
Se c'è una cosa che mi piace di questa svolta, è scoprire che sono capace.
Di aggiustare, tenere i miei conti, muovermi nelle asprezze.
Ieri, dopo aver indossato la mantellina e raccolto il cestino, ho preso la strada del bosco. Cammina cammina, ecco il buio farsi più fitto, il sorriso più spento, il sentiero più stretto.
Da sola, e mai da sola. Tutti lì stavano, bastava voltarsi.
Minchia, la vita non ci ha fatto mancare niente, mi scrive lei.
E noi abbiamo attraversato tutto, rispondo.
Poi con l'altra che arriva a sorpresa, si ride per mandar via il piangere, bevendo un chinotto.
Se la scrivessimo la nostra storia, ci direbbero che puzza di fiction.
Le colleghe-amiche, chiocce protettive e attente, in filo diretto.
Ecco, quando il bosco si è lasciato aprire dalla luce e il cestino era colmo di fiori, l'impavida Cappuccetto ha accennato ad un saltello o due. Prima di abbandonarsi e riposare, sul respiro più amato.
Sono con te, qualsiasi cosa sia.
Io solo questo chiedo.

19 commenti:

  1. "sono con te, qualsiasi cosa sia"... alla ricerca del sacro graal :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acci...
      Forse mi sento un po' un cavaliere errante :))

      Elimina
  2. Molto bello messo così (la foto poi è spettacolare).
    Credo... e l'ho detto tante volte, che veramente su molti ci sarebbe da scrivere una libro.... e che bei libri verrebero fuori, mica leggeri, ma molto pieni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi diciamolo, non serve aver vissuto chissà che... Quando leggi storie, ti riconosci in quello che si lava i denti, non nel tipo che salta giù dal treno in corsa...

      Elimina
    2. ... cavolo devo smetterla di saltar giù dai treni.... o nessuno si riconoscerà in me :p
      Cavolate a parte effettivamente è proprio così, che poi io son un po malato e son capace di immedesimarmi anche del primo mago, stregone, demone, che trovo in alcuni libri..... è un discorso a parte :)

      Elimina
  3. Rido... vedo che cappuccetto rosso ha una paglia in bocca ;0) ma ma ma ma ma...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Paglia"...poteva dirlo solo la mia Daffus... :)

      Elimina
  4. ci sono almeno 15 vicende della mia vita che potrebbero essere una fiction ed anche di successo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mica una sola...addirittura 15....!!!???

      Elimina
    2. e ci sono sempre donne di mezzo

      Elimina
  5. Cappuccetto nicotina-dipendente ;) non sarà la maestra sotto mentite spoglie?

    Baci ;)

    RispondiElimina
  6. "Sono con te, qualsiasi cosa sia" e arriveremo alla fine di mille boschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così. Fino al più bello, quello in cui fermarsi e tirar fiato...

      Elimina
  7. mi chiedevo sempre come avesse fatto il lupo a ingoiare la nonna senza masticarla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha disarticolato la mandibola, Pier.
      Lo sanno tutti.

      Elimina
  8. Cappuccetto rosso troverà prima o poi qualcuno che le prenda la manina, ne sono sicuro.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, lo ha trovato.
      Un cacciatore di nuvole.

      Elimina
  9. ci sono anche io. e cappuccetto rosso fa piú paura del lupo.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros