martedì 28 gennaio 2014

E' tempo


Ecco, puoi partire.
No scusa, aspetta un altro attimo. Tieni duro, coraggio.
Poi non pretendere troppo, il tempo ammorbidisce ogni cosa. Brava.
Ehi, quasi ci siamo. 
Un momento di pazienza, poi vai.
Dai, abbi fede, ormai è fatta!

Da un anno (o forse molto di più?) mordo il freno. Come ai blocchi di partenza, i muscoli gonfi di attesa, il pensiero azzerato dall'istinto.
Ma appena giungo ad intravedere l'assicella del traguardo, pare che questa si sposti.
Un po' più in là. Ancora un po'.
Mi prende per il culo? Non era qui ad uno sputo? Com'è che adesso non la vedo?
Va bene, paziento. Però si può vivere così a lungo nell'indefinito? Programmi a breve termine, che devono sempre tener conto di altro. Altre persone, altre cose, altre sensibilità, altri dolori, altri progetti. E io? E quello che voglio io?

Un anno. È lungo un anno, cazzo.
Le stanze ingombre di roba, cumuli di macerie. Sono stanca di vederle.
Cerco nel mucchio qualcosa da mettere addosso, ed è tutto troppo grande, o troppo piccolo.
Allora indosso un abito soltanto, di seta grezza, che mi accarezzo addosso con cura infinita. Quanto è bello. 
Una spazzolata ai capelli e sono pronta. Permesso scusate, devo andare.

18 commenti:

  1. Se non metti in lizza quello che vuoi te, sta assicella (o linea di traguardo che poi sarà una nuova partenza).. e non la pigli mai :-)

    Vai :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente così...il sogno di stanotte me lo dice chiaramente.
      Ascoltati, mia cara, ascoltati bene.
      Così :)

      Elimina
  2. organizza una festa e invita tutti noi

    poi altro che raggiungere il traguardo !

    RispondiElimina
  3. Il traguardo è bello da raggiungere, ma se non succede è importante? Domani l'avrai già dimenticato, angoscia? Solo un limite che impostiamo noi stessi. La calma? Un altro traguardo lontano, un'altra giornata da vivere ed un tassello in più nella vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende.
      Se raggiungere il traguardo (e sicuramente una nuova partenza) è un gesto di riconoscimento che ti regali, allora fa la differenza.
      Devi stare in una vita che ti appartiene, che ti assomiglia. Per un po' vale anche l'apnea o il procedere a testa bassa. Poi, è necessario spalancare le braccia...
      Ciao Topo! :)

      Elimina
  4. Ho smesso di programmare secoli fa.Giorno per giorno è bello lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, concordo. Quando lo sfondo te lo dipingi, allora puoi anche muoverti in modo scomposto... :)

      Elimina
  5. Ah ecco, finalmente riesco a leggerti. È da diverse ore che c'era una panne con blogspot e non visualizzavo gli amici miei :0)

    Conosco quell'indefinito. Per molti anni ho vissuto con una spada di Damocle sopra la testa, poi ho deciso di fregarmene e ho ricominciato a vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeh, lo si evince bene dai tuoi post :)

      Elimina
  6. Comè che scrivi in prosa e pare poesia? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè sono drammaticamente vittoriana :)

      Elimina
    2. naaaaaaaaaaa il periodo vittoriano è cupo e rigido, tu morbida e avvolgente

      Elimina
  7. però che bello, tutta questa indefinitezza che lascia margine per ogni possibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Pier, è vero. Ma devi reggerti sulle gambe per esplorare... :)

      Elimina
  8. mi piace come scrivi, ne sento il tuo ritmo, il tuo pensarlo. brava!


    solo un appunto, ma vorrei essere costruttiva!!!.... i fiori come sfondo.. sono bellissimi.. ma..non so.. sei sicura che vuoi che una persona arrivi qui e noti per primi proprio loro?

    RispondiElimina
  9. Eh, cosa dirti? Me ne sono innamorata a prima vista. E l'amore continua... Ad un certo punto l'amore finirà e vedrò questo sfondo esattamente per quello che è.
    :D
    Benvenuta :))

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros