sabato 1 febbraio 2014

Minimo pensare


In paese c'è una vecchia merceria, di cui mai avevo varcato la soglia. Ci passo davanti con l'auto al mattino, venendo a scuola, quando è ancora chiusa. Sbircio le vetrine, finestre con tanto di scuretti, esibire senza vergogna una stravagante accozzaglia di cose.
Da qualche giorno avevo in testa di proporre ai bambini il ricamo. Così,  per affinare i gesti, allenare gli occhi alla misura, rendere armonico il fare. Allora ne ho caricati tre sul Peugeot (la scelta degli eletti è avvenuta tramite un'estrazione a sorte che hanno totalmente autogestito) e mi sono recata in merceria.
Un incredibile viaggio nel tempo. Sali gli scalini, apri la porta, e tracchete, sei altrove.
Un finto montone da bebè pencola da un appendino appeso al soffitto. I quadretti per il mezzo punto (ma esistono ancora?) rappresentano bucoliche scene di campanili e pastorelli. Negli scaffali a vista, scatole di cartone bianco su cui campeggiano i disegni esplicativi. Qui mutandoni. Qui mutandoni ascellari. Qui calze di lana color carne. Qui sottovesti.
Sotto vetro alcuni articoli da regalo. La statuetta in lucida cramica di un calciatore con la maglia bianconera. Uno zircone rosa fucsia grande come l'unghia del pollice, in una scatolina di velluto blu. La penna di Ben Ten. Carta da lettera stile country. Tutto molto, molto agée. Compresa la titolare.
Ordiniamo la nostra tela Aida, le nostre matassine colorate, e paghiamo.
I bambini rinunciano alla ricreazione e si siedono attorno al tavolo con ago e filo. Lavoriamo assieme, parlottando ma non troppo, tocca stare concentrati.
"Maestra posso finirlo a casa?"
Insomma questo intendevo. Usare le mani e spegnere la testa.

24 commenti:

  1. Io credo alle mani.
    (Estendere questo esercizio a tutta la classe? Magari ogni settimana se ne scelgono tre diversi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle mani, più che alle parole.
      Si si, dalla prossima settimana si trova un tempo. Per tutti :)
      Figuarati se potevo fare diversamente... ;)

      Elimina
  2. Uso la stessa tecnica per spegnere i pensieri e andare altrove con la mente... uso le mani :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impastare, dipingere, modellare... :)

      Elimina
  3. ma ma ... che fai mi rubi i post? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io però c'ho gli alunni, e tu no.
      :D

      Elimina
    2. ma và! sai che mi hanno detto (tutti) che preferiscono l'altra maestra (quella mora) :P

      Elimina
    3. Aaaaah, è così che fai un uso pubblico delle mie comunicazioni private????????? :D
      P.s. tanto perché tu sappia, è bionda pure lei!!!!!

      Elimina
  4. "Usare le mani per spegnere la testa"
    credevo che fosse felicenete accesa anche usando le mani.
    Non ricominciamo eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va, pragmatico che non sei altro :)
      Mica perchè macino con la testa devo essere depressa!
      Sono felice. Lo sai.
      Ma congenitamente rimugino... :
      ;)

      Elimina
  5. Gioia, ma a me capita di usare le mani e non riuscire a spegnerla la testa.
    Consigli?
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, ben arrivata :)
      Sì, capita anche a me. Poi magari, se il gesto diventa ipnotico, alla fine stacco.
      Dipende quanto densi sono i pensieri...

      Elimina
  6. E' un momento di crescita importantissimo per i piccoli, soprattutto riscoprire, oggi, che con le mani, con l'impegno, si possono creare infinite cosette e cosine che stimolano la fantasia e l'ingegno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E credimi, adesso non si dà alcuna importanza a questo aspetto...
      buona domenica Maurì ;)

      Elimina
  7. che bello!!!
    dai facciamo un corso di ricamo!!!!!
    Ex ortolana ora ricamatrice

    P.S. Non mi difendo male neanche con il traforo anche elettrico....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so bene che questo è pane per i tuoi denti, amica mia :)))

      Elimina
  8. Risposte
    1. Niente da dire sul punto croce? ;D

      Elimina
  9. Bellissima idea, sono molto fortunati i tuoi alunni!
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. Questi sono i posti pazzi in cui entrerei per curarmi l'anima.
    Brava gioia e bravi pupi.

    Abbraccione.

    RispondiElimina
  11. Tutto bello.... ci ero quasi cascato, la porta per un'altro mondo era spalancata, già mi vedevo Coraline che mi veniva incontro..... poi....poi... "La penna di Ben Ten" mi ha bruscamente riportato alla realtà :p

    RispondiElimina
  12. Grande Gioia, pochi insegnano ai bimbi questa cosa, che servirà tantissimo da adulti "Usare le mani e spegnere la testa"

    RispondiElimina
  13. Sono bravissima a spegnere la testa usando le mani. Pure troppo brava. Ogni tanto devo impormi di sedere, fermare le mani e riflettere.
    I fili colorati dentro la scatola di metallo rotonda di mia madre.. il mio gioco preferito da piccola. Adoravo tutti quei colori. Li rubavo e intrecciavo braccialetti di cotone per le bambole.

    RispondiElimina
  14. bhé a scuola (elementare) m'hanno insegnato: l'uncinetto, intrecciare la paglia, fare il cigno di gesso (con tanto di colatura negli stampi) e poi decorarlo, spennellare ciottoli di fiumi per creare meravigliose (con occhi di bimbetta) coccinelle fermacarte.
    al di là della didattica, questi laboratori, han dato molto, perché applichi concetti fin prima astratti, ma li rendi concreti e tangibili.
    generano risorse insomma, stuzzicano le testoline in crescita.
    e poi
    era na pacchia :-)

    baciiii :*

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros