sabato 8 febbraio 2014

Di qua, di là


Spesso, i pugni allo stomaco vengono a mostrati le priorità.
Gettano luce sulle cose.
Lo ricordo nitidamente. Ero seduta sulla sdraio a Lignano, avrò avuto quattro anni. Mi muovevo, spostavo l'inclinazione dello schienale, agitavo le gambe. All'improvviso la sdraio si chiuse come una tagliola, con le mie dita in mezzo a fermare la corsa.
Fra le braccia della mamma piangevo e incredula guardavo la gente camminare tranquilla sul bagnasciuga. Perchè quel dramma non aveva assunto una dimensione globale e collettiva? E come mai era successo proprio a me, visto che al mondo eravamo in tanti?
Lo chiesi tirando su col naso, e la mamma probabilmente non colse la portata della domada.
Nei giorni successivi, mi beavo giocando con stampini e secchiello. C'era come una nuova consapevolezza. Ero nuovamente "al di qua": stavo bene, alla stregua di tutti quelli che placidamente camminavano sul bagnasciuga.
E insomma stasera guidavo, e parlavo, e ascoltavo, e la pioggia veniva giù a secchiate. Il mio corpo caldo se ne stava lì, piacevolmente impegnato, mentre la mia testa mandava ad ogni sinapsi un messaggio dolce e potente: "ehi, sei al di qua".
Al di qua. Cazzo se è bello.

15 commenti:

  1. ma dice il terzo principio della razionalità di non bearti troppo e di stare sempre in campana.

    donna avvisata mezza salvata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frà, soto stata per così tanto tempo in campana...e ho scoperto che provare ad attrezzarsi alla bufera quando fa sereno, non solo è superfluo, ma è pure controproducente. Quello stato di allerta ti rende insicuro e fragile...

      Elimina
    2. Ok, pure te innamorata come quell'altra....

      Elimina
  2. Io sono spesso sulla linea di mezzeria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi incroci, fai un fischio...porto io i panini :)

      Elimina
  3. eh ... la mamma bionda della bimba bionda avrebbe potuto dirle: stellina sei babba(?) le manine tienile a posto e non dondolarti che è una sdraio mica un'altalena :)
    il confine è labile, di qua di là ... un passaggio obbligato, teacher lo hai scoperto presto tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bambina biodissima aveva una mamma castanissima, quasi mora. Se lei mi lascia ve la mostrerò. :)

      Elimina
  4. hai notato quanto presto i bambini dimenticano il dolore?
    dovremmo farlo anche noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa tua la sottoscrivo in pieno sai ?

      Elimina
    2. La Daffus è la mia amica di bloggo più saggissima.
      Credo che sottoscrivi. :)))

      Elimina
  5. Dimenticare il dolore in fretta, come i bambini, cercherò di farmelo insegnare già domani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmmmh...la vedo dura.
      Una terapeuta mi diceva che trattare i bambini con l'ipnosi è semplicissimo e indolore. Il trauma viene rimosso in poche sedute.
      Negli adulti invece tante costruzioni, tante barriere difensive.
      Ma si può fare :)))

      Elimina
  6. Si è vero, l'amaro per conoscer il dolce, il freddo per conoscer il caldo. La dualità è sempre presente e noi siamo equilibristi che camminano sul filo tra uno e l'altro

    RispondiElimina
  7. ehi, ma tu allora abiti dalle mie parti... profondo e piovoso nordest :)

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros