lunedì 24 febbraio 2014

Semini




Non seguo la politica
Che di suo è un'affermazione del cazzo, perchè non seguire la politica significa non preoccuparsi della propria situazione lavorativa, del proprio affitto o mutuo, dell'assicurazione auto, delle strade e autostrade che la stessa percorre ogni giorno. E ancora, di quello che mangi, indossi, ascolti e vedi.
Eppure, politicamente parlando, ho sempre viaggiato in superficie, tenendo la sinistra perchè di fatto penso sinistra. Perchè non sono razzista, non sono omofobica, non sono conservatrice, sogno un'equa ripartizione del benessere. Perchè a casa mia, si facevano discorsi di sinistra e mio padre aveva sostenuto Democrazia Proletaria. 
Ma di fatto, approfondisco poco, e non faccio una michia di niente affinchè la mia assicurazione costi meno, i miei contributi non siano vanamente versati, il pane possa arrivare sulla mia tavola privo di veleni e ogm.
Così venerdì ho compiuto un'azione minuscola e grande, come piantare il seme della mela dopo averla sgranocchiata. Che dopo vien su e non ti par vero. 
Ho parlato ai bambini della nostra Costituzione.
Ho raccontato loro che una democrazia è “la casa di tutti: una grande casa dove ci si parla, aperta a nuove idee e a nuovi amici, dove si impara a diventare liberi, dove si prova a essere felici. E' stata costruita da uomini e da donne, lentamente: non è fondata su qualche potere, ma sul lavoro di tutta la gente. Ognuno ha diritti e doveri, perché la libertà è un gioco insieme ad altri, non da soli, un canto che si canta tutti in coro”.
E poi da copione, mi sono commossa. E loro ridevano, perchè ormai sanno.

12 commenti:

  1. Beh, così come si differenzia la Chiesa dalla spiritualità... bisogna fare un distinguo tra la classe politica e la Democrazia. Nel primo caso ci si sbellica dalle risate o si piange dalla disperazione. Nel secondo caso, ci si commuove ;0) .... toh prendi un cleenex

    RispondiElimina
  2. Certo, è così.... Volevo mostrare loro cos'è che vivono, o dovrebbero vivere :)
    Poi tutto sedimenta, e decideranno quale strada percorrere ;)

    RispondiElimina
  3. brava Gioia, hai fatto una bella cosa. commuoversi ? ci può stare. io dal canto mio dopo l'ultimo post ho deciso di tirare i remi in barca. troppo livore, sicuramente giustificato, ma non si può essere così "pesi" come lo sono stato ultimamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto...ho letto eccome. E perché non dovresti più esprimere il tuo pensiero?

      Elimina
  4. Una volta credevo nella politica (mai un vero e proprio attivista, non è nella mia natura), negli ideali della politica, ora son più o meno come te, la vivo e subisco da spettatore (grave errore lo so).
    Però hai fatto una gran cosa, ora non ricordo quanti anni hanno i bimbi, ma io son sicuro di aver sentito parlare di Costituzione solo alle medie e in modo molto "informale".

    RispondiElimina
  5. Quarta elementare, ma hanno teste galoppanti... :)

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia l'utopia.
    Io? Io basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giusto che loro possano immaginare un mondo giusto. E magari domani, provare a costruirlo...a noi grandi resta un po' di disincanto, ma loro hanno occhi grandi :)

      Elimina
  7. Sai cosa penso, che forse oggi manca l'insegnamento di quella che una volta si chiamava "Educazione civica".
    E' vero non ti crei un idea politica conoscendo il rispetto delle regole, delle persone, delle istituzioni e nemmeno puoi idealizzare il valore del denaro, della solidarietà, della qualità oppure del merito, delle capacità.
    Però quanto di quello che oggi subiamo deriva un pò dalla perdita del nostro senso civico.
    Sai forse in molti di noi manca anche il senso di parole come politica, ideali, ambizione, condivisione e benessere.
    Lo so ho fatto il solito minestrone e poi non voglio insegnare niente a nessuno e forse ha ragione Mariella "che meraviglia l'utopia" e il sogno di un mondo dove possa esistere come primaria esigenza l'etica della civiltà condivisa è UTOPIA

    Un abbraccio Gioia e prova a pensare che quello che hai scritto è politica

    Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, Franco!!!! :)))
      Come dice Boh, a noi nell'ora di educazione civica hanno insegnato (sì e no) che si attraversava sulle strisce... ;)
      Spero che questi bambini abbiano maggiori consapevolezze.
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  8. ho letto, e rimango silenziosa, ma con il sorriso e il piacere di esserti, seppur virtualmente, amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa terra e buoni frutti :)))
      Ti bacio

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros