giovedì 29 maggio 2014

Quasi giugno

Parco Triglav, giugno 2013. Foto di Gioia

Giugno a breve. Dodici mesi sono trascorsi da quando i nostri passi si sono fiutati, per la prima volta, in terra slovena. 
Io che morivo dalla voglia di fumarmi una sigaretta, sorseggiando la birra fresca. Ma come mostrare una tale pecca, dinanzi ad un montanaro-arrampicatore? 
E poi, il miracolo di quelle sue Camel, posate sul tavolo come niente fosse, mentre raccontava.
- Ma come, fumi?
- Una ogni tanto.
- Anche tu Camel. Dai, passamene una.
Lì ho visto oltre, dentro, dietro. Ho visto il suo giovane anarchico, l'indisciplinato, il ribelle. Quello imbavagliato, silente, che non si mostrava più.
Eccolo lì, mi son detta. Eccolo.
Quante cose sono cambiate in dodici mesi? Quante ne abbiamo spostate? Infinite.
Giugno a breve. A questo punto dell'anno (scolastico) comincio a cedere.
Sono stanca, i bimbi mi sembrano molto rumorosi e particolarmente voluminosi, fatico a mantenere un sano controllo. E' giunta l'ora di staccare un po'.
Invece, è proprio in questo periodo pre-estivo, che gli impegni (scolastici) diventano più pressanti. Raggiungere obiettivi, preparare verifiche, consegnare programmi. Festa finale, raccolta degli elaborati, pagelline, montaggio del video con le foto.
E fa già caldo.
Oggi, classe prima, gioco del mi piace-non mi piace. 
B., sei anni:
Mi piace la pizza. Non mi piace litigare con mia sorella. Mi piace la scuola, perchè c'è Gioia.
Dai maestra, che due settimane passano in fretta.

27 commenti:

  1. galeotte furono quindi le camel... :-)

    però un montanaro seppur anarchico non dovrebbe fumare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no Fra, è proprio questo il bello!
      Contrasti. :)))

      Elimina
  2. Se ricorderanno la maestra Gioia nei loro blog fra vent'anni, avrai "ceduto" a buon rendere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando mi incontreranno all'edicola, come narra Colomba... ;))

      Elimina
  3. Ho respirato tanto in questo post :-)
    Bello bello bello.
    E il montanaro che ha visto in te, oltre la barriera della maestra? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmmm. Dopo glielo chiedo e ti so dire.
      Anche se non ho proprio un assetto da maestra.

      Elimina
  4. Gioia, quanti bei piccoli passi stai accompagnando all'inizio del loro percorso. Maestra sii fiera di te. Ti abbraccio, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tendo a vedere solo dove manco, in realtà.
      E manco, a volte. Specie quando la testa mia se ne va.
      E' ora di tornare, ben salda :)

      Elimina
  5. Tanti pezzi del puzzle che in questi mesi sono scivolati al proprio posto.
    Bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi :)
      Come stai? E i progetti???

      Elimina
    2. Aspetto giorni migliori, vedere che tu stai bene però mi provoca un sorriso.
      I progetti sono lì, ci vorranno tempo e denaro come tutte le esplorazioni in posti nuovi ma il countdown non si arresta, per ora.
      Superbacio. ;-)

      Elimina
  6. Maestra Gioia! <3

    Ps ci piace il montanaro rampante :-)

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Ma non si direbbe sai...
      Ora però, basta incensarlo. Che poi si monta la testa ;)

      Elimina
  8. Che bello il pensiero di B :) sono frasi che, credo, a una maestra riempiono il corazon! :)
    Quando all'ormai imminente "compleanno"... bene! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu, sei a metà strada, per il..."compleanno"?

      Elimina
  9. che ti scrivo? ancora per l'ennesima volta che mi piace? Come scrivi e quello che accade nella tua vita?

    Ufff mi stufo io per te di leggerlo, ma del resto è così, ci son persone che mi piacciono come scrivono e come vivono. Tu sei una di quelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao baby ;)
      Quando arrivi a Udine? :))

      Elimina
  10. Penso che oggi il mestiere dell'insegnante sia usurante.
    Cosi' usurante che spesso diventano insulti, minacce e anche percosse da parte di genitori idioti che invece di rallegrarsi e ringraziare gli insegnanti per aver ripreso i loro figli, per aver cercato di segnalare dei loro limiti, si incazzano con i termometri che segnalano la febbre.

    I contrasti sono estremamente importanti. Senza contrasto c'e' solo l'anestesia, l'intorpidimento della cognizione del vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo. Riguardo ai contrasti. Mai livellarli, anche nella coppia, si perderebbe la bellezza.
      In merito al lavoro di insegnante, io posso dirmi più che graziata. Lavoro in una comunità educante che ha tanti problemi, tanti aspetti da smussare o rivedere, ma non gli eccessi che tu citi (e peraltro assolutamente presenti in altre realtà).
      Sono fortunata :)

      Elimina
    2. Sei meno usurata di altri insegnanti, allora. :)

      Elimina
  11. Beh dai... con un bimbo cosi è sempre bello insegnare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sicuro! Li adoro.
      Ma a giugno ci fa bene un po' di mare. A me, e a loro. :)))

      Elimina
  12. Fammiti fare da testimone di nozze, domani mi esercito anche per te.

    Sei bella.
    Astro

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros