lunedì 17 marzo 2014

My dreams


Erano le cinque e mezza stamattina, e io attraversavo una città dagli occhi chiusi.
Nelle braccia quella percezione dolorosa di non avere patria e terra, che mi strappa via la voglia.
Ferma ad un semaforo, le dita strette sul volante, ho guardato di lato. Sono passati le carezze, il gelato alla meringa, il gigante col bastone sulla facciata del Duomo, al cui cospetto, spalla contro spalla, vediamo la luna cambiar profilo. La mia gente così bella, e i sogni che si innaffiano insieme: una casa nel bosco, una terrazza sul mare, un ristorantino ad Oslo, un cammino fra le cime, un gruppo anarchico di lettura, imparare a far più lenti, a respirare con la pancia. E il più dolce. Affondare pian piano le radici.

- Ti voglio tanto bene maestra.
- Ma se mi arrabbio sempre...
- Non è vero. Solo ti stressi, qualche volta.

15 commenti:

  1. maestra un tantinello criptica, oggi

    RispondiElimina
  2. ...mi sa che anche tu stanotte hai inciampato in quella linea sottile fra sogni e realtà ;0)

    RispondiElimina
  3. Sogni da innaffiare lentamente e con costanza. Prima i poi le radici prenderanno. Bacio bella maestra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguirà post in tema...ho visto alcune cose importanti. Baci a te!! :)

      Elimina
  4. I semi vedo che li hai messi già da un po....
    Le radici son più difficili da far attecchire, ma non è colpa del seme, ne del terreno, ne del tempo, ma di solito, siam noi stessi che poi togliamo i semi ....per paura che facciano radici solide :p

    Contorto?..... :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no...capisco il senso. A volte è così, semplice e banale paura di star troppo bene, perchè quando stai troppo bene molli il controllo e arriva la bastonata. Sì, mi capita.
      In questo caso mi sembra una cosa più potente...

      Elimina
  5. Metter radici è bello, soprattutto quando magari non abbiamo mai avuto la percezione, prima, di essere realmente radicati dove eravamo. Prova, insegui i tuoi sogni e, soprattutto, ciò che il tuo cuore ti suggerisce. Non sbaglierà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non essere mai radicati dov'eravamo"...
      Grande Maurì!!! :))

      Elimina
  6. Al ristorantino ad Oslo fai conto che ci sono già ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cameriere? Cassiere? Aiuto cuoco? Barista?
      ;D

      Elimina
  7. Risposte
    1. Ehi ehi. Grazie :)
      E' un reciproco leggersi con piacere.
      E mò qualcuno dice che sbrodoliamo, ma chissene :)))

      Elimina
    2. E se la notte è incerta e il respiro corto, siano sogni di sogni

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros