giovedì 16 aprile 2015

A spasso


Ho fatto una passeggiata con i miei bimbi, quelli di prima e seconda. Belli assai, tutti a volermi dare la mano, che si è deciso di fare a turno. Il ciliegio, il pavone, il ruscello, tasche piene di semi rossi. 
Questa nuova generazione di piccoli umani è poco in connessione col tutto: individui a sè stanti, mondi che si sfiorano, occhi rivolti all'interno. Tizio era preoccupato per la sua allergia e si teneva distante dalle zone erbose, Caio temeva le zecche e Sempronia continuava a parlarmi di un esperimento scientifico che avrebbe fatto nel pomeriggio con la mamma. Rispettabilissimi pensieri, ma siamo qui adesso. Qui sul sentiero e l'asino raglia e il sole scalda. Qui, con i piedi e le mani.
Allora su per la collina, tutti quanti. E poi giù di corsa, che magari poi si cade e (se siamo fortunati) ci si sbuccia un ginocchio. Vuoi mettere poi, la soddisfazione di appiccicare un cerotto blu.

Ieri ho arrampicato, per la seconda volta. Minuti a cercare l'appoggio, l'aggancio, a misurare distanze, spazi verticali. Pensi un movimento, lo disegni prima di eseguirlo. Tendi e lasci andare, poi ancora tendi. 
A metà parete c'ero solo io - graziata da un tramonto rosolio - e il mio respiro, orologio del cuore. La roccia ha un suo odore: polvere, conchiglia, carbone, erbe.
Ho trattenuto ogni secondo provando a farlo minuto.

Questo primo caldo mi fa venir voglia di un abitino bello, leggero, fiorito. Di camminare con la coda di cavallo per vicoli dai panni stesi.

14 commenti:

  1. insomma, vuoi fare la stragnocca con l'abitino.... tutto a posto col moroso ? :-)

    RispondiElimina
  2. Le immagini della tua scuola, della vostra anzi... sono davvero ogni volta spettacolari. Che bella una scuola così, in realtà così e con dentro un cuore appunto "così", come quello che ci metti tu assieme ai tuoi bimbi semplici e genuini :)
    Quanto all'arrampicata, mai provato... dici che dovrei o che faccio bene, da Torello radicato alla terra, a restare appunto coi piedini ben saldi nel mio habitat naturale? ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, sì prova! Tanto capisci subito se fa per te.
      Anch'io segno di terra :)

      Elimina
  3. Io ieri ho giocato a calcetto, oggi dolori come se avessi scalato l'Everest.

    Il mio grande è stra-appassionato di avventure, super-eroi e fantascienza varia.
    Adesso è in fissa col film "il gioco di Ender". Ho tirato fuori il mio vecchio libro del 1986.
    Orson Scott Card, il gioco di Ender, Nord cosmo oro.
    Niente da fa, è più facile il film.

    Oggi tendiamo a rendergli tutto troppo facile, ma forse diceva così anche mio padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, è verissimo e più attuale che mai. Lo diceva tuo padre perchè da lì è iniziato tutto. Da quel deresponsabilizzare e iperproteggere, che anni fa ancora non si evidenziavano in modo così palese. Passi indietro bisogna fare...

      Elimina
  4. Queste piccole generazioni sono poco in connessione col tutto perchè rinchiusi nelle case di solito. La natura è vista attraverso i video.... ma è un discorso lungo da dire in poche parole.

    Lo sai che proprio inq uesti giorni pensavo, ho quasi voglia di imparare ad arrampicare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai. Vieni qui che c'ho una paretina facile facile...

      Elimina
  5. Al primo tepore sono andata a passeggiare a piedi nudi in riva al fiume, ho dato calci all'acqua e fatto rimbalzare tanti sassolini :0)
    Tu ed io siamo nati in una generazione dove si era un tutt'uno con la Natura, e per fortuna certe abitudini ce le portiamo ancora dentro.
    Vedrai che prima o poi contagerai anche i tuoi bimbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vivevo in una squallidissima e cementata periferia urbana. Niente natura Daffus. Ma la differenza è che mia madre poteva permettersi di farmi uscire brada alle tre e di vedermi rientrare (altrettanto brada) alle soglie della cena... Autonomia :)

      Elimina
  6. Vedo che non rispondi più a nessuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scherzerai!? Rispondo a TUTTI :)
      Con un po' di lentezza...
      Ehi! Ciao!

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros