giovedì 30 aprile 2015

Un giorno


E poi l'ho visto alzarsi
teso nello sforzo
muovere il primo passo,
rotondo e incerto.
Non è più mio, mi son detta
ma per lui allargavo labbra e braccia.
La mia vita
segnata dagli strappi
dagli addii
che forse ho saputo solo replicare.
"Perdi per paura di perdere"
mi dissero, sotto un ombrello rosso
e oggi mi par così vero
ma altro io non so.
Fatti tasca, penso
e non ci saranno più tasche
da cui cadere.


24 commenti:

  1. Si può anche perdere per paura di vincere,
    la vittoria è una condizione mentale.
    Vedo che da tempo c'hai messo la faccia,
    è già un bel segno che dice che non hai paura
    ne' di perdere ne' di vincere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdere per paura di vincere.
      Devo pensarci marinaio...
      ;)

      Elimina
  2. da me hai lasciato un commento che mi ha stupito Gioia....:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generalizzare è sempre pericoloso, credo sia stato ben evidenziato da ambo le parti ;)
      Sono una "donna sola con figli a carico" solo giuridicamente parlando. Nel mio mondo sono una donna che molto ama ed è riamata, con due perle di figli. Che conta sull'abbraccio e la presenza di chi le sta accanto.
      Ma i numeri restano tali :))

      Elimina
    2. No, è che dei tuoi figli non parli mai....

      Elimina
  3. Stasera sono sensibile all'amore. Amore come quello che hai scritto tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sempre così bimba. Sempre così esposta. Ma non dici che sia anche una fortuna?

      Elimina
  4. Non sono mai riuscito ad entrare in una tasca ma da quel che leggo hai una paura di perdere molto nobile. E scrivi benissimo,ma questo te l'ho detto già anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccome. CE lo siamo detti ;)
      Nobile dici. Non saprei Enzo, a me sembra così primitiva. Ma in ogni caso, a prescindere dalla sua natura, ingombra assai.

      Elimina
  5. Perdi, per paura di perdere...eh..e come si vince questa paura? Che io non lo so, che io ci sbatto sempre contro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena l'ho studiato e sto pronta per la verifica, ti chiamo.
      Male che vada, ti passo un bigliettino.
      :)
      Ti stringo stellina

      Elimina
  6. Non so come commentare il tuo post. Non sono stata così fortunata. Vi abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Questo post mi sorprende... dico solo questo, e ti sorrido :) Buona domenica :)

    RispondiElimina
  8. "Perdi per paura di perdere"
    Le profezie negative autorealizzanti... si ne so qualcosa stella mia :*

    Per il resto sai scrivere come poche, mesci leggerezza e grandi emozioni, sapientemente mescolate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Profezie auto realizzanti? Sono laureata. Avete domande?

      Elimina
  9. La parte più dura da digerire è che non sono nostri.
    Non si potrebbe/dovrebbe perdere, quindi, ciò che non ci appartiene.
    Speriamo bene, che se devono contare sulle mie sicurezze, poveretti loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo non vale solo per loro, per il nostro rapporto con loro. Nessuno mai ci appartiene. E noi non apparteniamo a nessuno. Questo è davvero duro da digerire, per me.
      Ma tocca passare di lì, per forza.

      Elimina
  10. Non ho figli. Mi (s)misuro coi nipoti che adoro. Ma non è certo la stessa cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul fatto che tu smisurassi, non vi erano dubbi. Ma ė questa la tua bellezza, Franco!

      Elimina
  11. non ho figli
    invidio l'amore che traspare
    di un'invidia buona che vorrei poter trasformare in sensazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la parola "trasformazione" mi pare bellissima...

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros