venerdì 3 ottobre 2014

Piove


È vero, che piove sul bagnato.
Torno da scuola, ubriaca di stanchezza e senza pace, nè terra.
Guido prudente, perchè sento di non avere riflessi buoni. Rotonda, rettilineo, rotonda, rettilineo. Rallento, mi fermo alla precedenza, in coda. Chiudo gli occhi, tiro fiato.
Un colpo secco da dietro mi spinge con forza qualche metro in avanti. Intanto la fila avanza, ed evito il disastro collettivo per un pelo. Rimane da valutare l'entità del danno individuale.
Scende lui, scendo io.
"Scusami ", dice "oggi non ci sto con la testa". Allora siamo in due, vorrei rispondere.
Guardiamo assieme il retro del mio povero vecchio Peugeot. Il paraurti giocattolo di un'auto giocattolo ha di buono che giocosamente rimbalza come al luna park.
Nessun danno, pare. Mi lascia il biglietto da visita, si raccomanda di chiamarlo se dovessi avere problemi.
Torno al volante completamente doppata. L'adrenalina mi fa questo effetto. D'istinto prendo in mano il telefono: ho bisogno di dire, condividere, metter fuori la paura e riderci su. Poi lo poso, caccio via una lacrima, ingrano la prima. Calma Gioietta, stai calma, non è successo niente.

Ora sono proprio stanca, e mi fa un pò male il collo. Due mani sante mi hanno fatto una camomilla e dopo il Toblerone credo proprio che proverò a dormire.

10 commenti:

  1. "rotonda, rettilineo, rotonda, rettilineo..." ogni volta che arrivo a UD dalla SR56 alla fine mi gira la testa.
    Forse col toblerone ci stava meglio il rhum.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O il limoncello...? Ciao, un abbraccio :)

      Elimina
  2. Quando i paraurti giocano al tira e molla, l'adrenalina che secerne il botto è nettare degli dei.. i problemi ci sono quando non puoi risalire in macchina, perché il suv che ti è entrato dietro lo guida un trans in piena regola e trucco, gentile quanto ti pare ma, cazzarola, distratto come Pistorius quando spara nei bagni chiusi. In quei casi, t'assicuro servirebbe la fabbrica del Toblerone.. (accaduto l'anno scorso quindi ne riesco a riferire sorridendo. Ora.. )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevi fatto un bel post????? Vale la pena... :D

      Elimina
  3. io qualche settimana fa ho toccato da dietro l'utilitaria di un vecchietto che guidava con accanto la figlia. una botta della madonna. scendiamo e non era successo nulla. 'ste macchine di oggi non fabbo così cagare.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio. La mia fa cagare. Uno di questi giorni posto la foto ;)

      Elimina
  4. Io vado in moto. Per me il botto significa farsi male e/o danni ingenti alla moto. Quindi non posso permettermi di non esserci con la testa. E temo anche di incontrare l'automobilista che mi secca, scende e mi dice scusa. Ma scusa che? Se sono ancora in grado, gli spezzo il collo. Francesco sei avvertito, ti conviene passarmi sopra in retromarcia.

    A voi donne piace un po' fare la lagna, dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè. Parliamo di voi uomini quando avete l'influenza? ;)

      Elimina
  5. Mi spiace per questo sicuramente non gradito inconveniente... quantomeno, però, non ti sei fatta nulla, e nemmeno il Peugeot, anche se il dolore al collo sicuramente per un pochino te lo porterai dietro, il colpo di frusta c'è stato per forza.
    Prenditi cura quindi del collo, e di te... mi raccomando... ;)

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros