mercoledì 17 settembre 2014

Stasera


Un tributo a quelle due facce pulite, che sono carne della mia carne.
Ho spiato il loro sonno sudato, di febbre e sogni.
Ho mangiato minestre col formaggino, uno a me, uno a te, uno al can. Ammm.
Ho applaudito con slanci accesi saggi di cartapesta e filastrocche, come ad una prima della Scala. E via una lacrima, in fretta. E su un sorriso. Sì io sono qui, ti guardo.
Ho giocato al negozio, ai soldati, ai mostri, ai cuochi, all'ospedale.
Ma niente ho dato, che non sia tornato a me, più bello ancora.

Sì, sono due, e sono carne della mia carne.
Non ne ho mai parlato, mai più ne parlerò, ma stasera li volevo in queste righe.

23 commenti:

  1. Risposte
    1. Dei concentrati di... Gioia :):):)

      Elimina
    2. Non avrei potuto risponderti meglio bimba... :)

      Elimina
  2. Male a non parlarne, perché sarebbero righe che ti ritornano, più belle ancora.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le scrivo quelle righe, sempre. Ma restano a me. Questa volta volevo condividele...

      Elimina
  3. Sorrido, che ti ci vedo.... sorrido che mi ci rivedo ;)

    RispondiElimina
  4. Il diario è mio e me lo gestisco io.
    Potresti rispondermi.
    Ma questa scelta di non scriverne pagine sulla carne della tua carne è estrema, forte. M ti/vi farà bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una scelta. Ma sento tutto in evoluzione...

      Elimina
  5. Sono piccole gioie che vanno custodite e protette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo sento forte e mai come adesso

      Elimina
  6. Progenie è la carne della mia carne, non ne parlo spesso, ma ne parlo ogni tanto e fa bene anche a lei quando ne parlo, perchè spesso riesco a dirle il mio amore più con le parole scritte che con quelle dette.

    Credo che queste tue parole per loro, piccole ma enormi, e impregnate d'amore se leggessero un giorno strapperebbe direttamente dal cuore un sorriso

    PS: Progenie mi legge per quello dico parole scritte

    RispondiElimina
  7. ...adesso forse no, ma nella tua precedente vita ne hai parlato, nel tuo precedente blog. Di uno di due dalle facce pulite, non so chi. E non so neanche se il tuo vecchio blog esista ancora, ma quella cosa lì che scrivesti, non so, era bellissima...il cuore di una mamma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Lo ricordo molto bene quel post. Uno dei primi...

      Elimina
  8. Apperò che post! :) mi incuriosisce molto saperne di più... se vorrai parlarne insomma sarà bello leggerne, altrimenti... può anche andar bene così, si sa che qui da Gioia... tutto è speciale e diverso dal "canonico" ;)

    Buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo cosa arriva, adesso. Lascio fluire Maurì...
      Buon martedì!

      Elimina
  9. Sei speciale, quando parli di argomenti particolari poi, quelli dove è facile cadere nello scontato diventi sui generis; hai una serissima leggerezza, una umanissina profondità.Ma te lo scrissi già molto tempo fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serissima leggerezza mi piace proprio.
      Indica quel bel disequilibrio che spinge avanti...

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros