domenica 7 settembre 2014

Pelosi esseri


"La portata di una presenza si misura con il peso della relativa assenza".

Ci sono persone gatto e persone cane, penso di averlo già teorizzato. I gatti si bastano, non fanno clan, non dipendono, apprezzano e ricercano solitarie contemplazioni. I cani si donano senza riserve, vivono in relazione, e dalla relazione attingono.
Credo sia evidente: mi sento cane.
Ho sempre cercato la prossimità con altre anime. Mi piace addormentarmi mentre qualcuno sfoglia le pagine di un libro. Cucinare, mentre nella stanza accanto si apparecchia una tavola. Fare la doccia, mentre una voce parla al telefono.
Cane. Annusare altri simili, riconoscere attorno il loro odore. Condividere, come priorità. Il cibo, il tempo, un pensiero, un lenzuolo, un racconto.
Condividere contiene un incontro (con), una separazione (di) e una visione (dal latino videre, vedere).
Io voglio guardare assieme. Io sono io, tu sei tu, e il tempo un biscotto dorato, da spezzare a metà.
P.s. per i gatti: non ditemi che il cane è uno sfigato, perchè può anche morire di solitudine. E che il gatto in qualche modo sopravvive comunque. Lo so, ma sono proprio cane. Fino al midollo.

26 commenti:

  1. ma io che non amo particolarmente gli animali ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non amo tenerli in appartamento. Se mai dovessi avere un giardino voglio un paio di cani enormi, tipo labrador o pastore..

      Elimina
    2. Ok. Ma che animale vi sentite, nel profondo?

      Elimina
    3. sto invecchaindo Gioia. pensa che me lo sono ricordato questa mattina 'sta cosa del tuo post

      ps per l'animale: una tartaruga, mi hanno sempre affascianto.

      Elimina
  2. Cane pure io.
    E ora vieni a ritirare un premio da me.
    ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marì, quale onore!!!! Ora penso a come fare, in ritardo mostruoso.
      Grazie amica :)

      Elimina
  3. anche i gatti possono morire di solitudine, in questa casa è successo.
    Mi piace la descrizione che fai del cane anche se tendo sorvolare sull'annusarsi il culo a vicenda.
    Le vibrisse sono più efficienti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, io sono un cane speciale, non annuso i culi. Ma percepisco le onde energetiche da enormi distanze :)))))

      Elimina
  4. Anche io sono/ero un canaro.
    Forse.
    Nel senso che poi i gatti non mi sono antipatici.
    Diciamo che in questo periodo della mia vita un quadrupede peloso sarebbe un impiccio tale che... non ci penso neppure.
    Cangi gatti sono come i marmocchi: belli quelli degli altri. :)
    Buondì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso che saltuariamente frequento il suo cane, mi rendo conto di quanto sia impegnativo occuparsene. Bellissimo, gratificante, ma ci vuole grande dedizione...

      Elimina
  5. anche io mi sento cane. Sono cane assieme alla mia meravigliosa pelosetta che mi sta annusando, dopo avermi riempito di baci.
    l'amore che mi dona è incommensurabile. Mi ha salvato dalla depressione.
    Il dolore più grande della mia vita è stata la morte di Cajon, ormai quattro anni fa. Lui viveva di amore e relazioni e da queste attingeva. Io ce l'ho sempre dentro.
    Sono cane ed ho dentro il mio Caietto. Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una scodinzolata a te, Emanuela...e alle tue matrioske cane. :)

      Elimina
  6. Mi piace questo cucciolotto di cane :) w la razza Gioiosa, allora ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello! Una razza dal nome impegnativo... :)

      Elimina
  7. Perchè limitarsi a uno dei due?

    Io son entrambi (con una grossa predisposizione chiaramente, dal quale si evince come mai in casa mia vivano cinque gatti e un solo cane ;) )

    Son stata gatto son stata cane, sarò gatto e sarò cane. E che faccio fatica a star chiusa in una sola definizione (lo so questo fa di me un gatto) ma ci son volte che ho aspettato una carezza in silenzio (e questo fa di me un cane).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io lo sapevo. Che tu eri questo e quello. Basta guardarti. Forse un pò più gatto, placida e morbida nel muoverti.

      Elimina
  8. Boh, io mi sento grilo parlante.
    XD
    Ciao bellè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non vale Astro! Allora io mi sento giraffa!

      Elimina
  9. Gatta nell'anima. Ma amo i cani che mi rispettano.

    Ps: i gatti sono adorabili puttane a quattro zampe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace guardarli...ma sono così tanto cane da essere allergica al pelo del gatto :)

      Elimina
  10. Io amo troppo i mici (ma mi sento più scimmietta scassaminchia...)

    RispondiElimina
  11. Si è un po' gatto ed un po' cane, come si è un po' scimmia, ed un po' lumaca, a momenti si è aquile, in volo o con la mente, e a tratti il meraviglioso serpente e la sua mela, il cane pur dando fedeltà ha le sue pretese e non sai quali epiteti invia quando decide di uscire o mangiare perentoriamente.
    Il gatto non pretende e dà a modo suo, quando ti accarezza strusciando fra le gambe, o quando si accuccia a te e fa le fusa dicendoti che ti ama.... senza voler nulla in cambio sempre indipendente.
    Sono un ibrido fatto di tanti animali ma se la strega dovesse sceglierne uno, sarebbe sicuramente un gatto... mai conosciuto un gatto rompiglione
    ;-)

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros