venerdì 5 settembre 2014

Quando la notte

Ieri sera mi sono addormentata con tre pensieri.
Il primo.
Avevo una gran fame, perchè nel pomeriggio la Giuli mi aveva offerto una super merenda e ad ora di cena ho sbocconcellato qualcosa svogliatamente.
Quindi, una volta a letto, ho cominciato a sentire quel vuotino, che sei lì e ti chiedi se è il caso di alzarsi o meno. Poi ti prende la pigrizia. Ma un attimo prima di chiudere gli occhi, ho immaginato un enorme panino. Pollo, maionese e pomodoro.
Per una che deve ricordarsi di mangiare, non è poca cosa.
Il secondo.
Un nuovo taglio di capelli. Quando una donna pensa a ciuffi, scalature, frange, qualcosa bolle in pentola. Un pò come quando decide di svuotare la borsetta. Dopo pranzo, con le forbici da cucina avevo tagliuzzato qua e là, a estro. Mi scoccia da morire perdere un pomeriggio dalla parrucchiera.
Invece prima di abbandonarmi al sonno, ho visualizzato un paio di soluzioni niente male.
Per una nata spettinata è roba nuova.
Il terzo.
Qualche sera fa alla tv trasmettevano "Quando la notte", della Comencini. Il libro mi aveva illuminata, il film (con Timi peraltro, nota bene) annunciava altrettanto. Per vari motivi, non sono riuscita a vederlo. E mi sono ripromessa di farlo, prima possibile.
Per una che si è dimenticata dei suoi dolci e solitari pomeriggi al cinema, non è niente male.
Filippo Timi e Claudia Pandolfi
"Quando la notte"

18 commenti:

  1. La voce di Timi mi fa impazzire.

    Io a novembre ho dato una bella sforbiciata, ma adesso li rivoglio lunghissimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un vero maschio Timi

      quando una donna va dal parrucchiere in modo rivoluzionario sono uccelli per diabetici (cazzi amari)

      Elimina
    2. Per me quello era periodo di cazzi... e basta :-)

      Elimina
    3. Fra, "uccelli per diabetici" tocca in livello di finezza quasi impensabile... :D

      Wannabe, li ho lunghi da una vita! Forse una spuntata... ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Guarda, dopo il cambio di indirizzo, letto e paesaggio, sono lanciatissima!!!

      Elimina
  3. Beh, intanto... voglio anche io quel panino! :D m'hai messo fame :D ihihi :)))
    Per i capelli si, confermo che è così e quindi... vediamo che soluzioni ti sono venute in mente, tienici aggiornati :) E quel film con la Pandolfi e Timi lo ho visto, particolare ;)

    Un saluto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un panino buonissimo. E sai che ti dico? Domani me lo organizzo :P

      Elimina
  4. Poco prima di separarmi andai a tagliarmi i capelli, il mio ex (non ancora all'epoca) mi disse "quando una donna si taglia i capelli, c'è cambiamento sentimentale".
    Vabbé è generico, ma vero: e cambiamento fu.
    Presi, lo lasciai e andai a conoscere una bella persona: me stessa.
    Finalmente.
    La fame in sti giorni non so cosa sia: l'ho tramortita a siga e caffè.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vorrei offrire un buon film a quella me stessa, e poi tornare a casa e commentarlo, bevendo un ottimo rosso croato...

      Elimina
  5. Volevi dirci che prima o poi ci lascerai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, un giorno vi lascerò...
      “A mio credere il burattino è bell’e morto: ma se per disgrazia non fosse morto, allora sarebbe indizio sicuro che è sempre vivo!”
      ;)))))


      Elimina
  6. MARIELLA!!! AIUTO!!! PER SBAGLIO HO ELIMINATO IL COMMENTO GIUSTO, QUELLO CHE TU NON AVEVI CANCELLATO... :(
    Me lo riscrivi, please???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo.
      Su Timi dicevo che guardarlo e ascoltarlo vale sempre la pena. L'ho visto due volte la scorsa stagione nel suo "Don Giovanni". Grandioso ed eccessivo. Poi sul maschio per quel che riguarda noi donne, tenderei a non approfondire. Anche io ho dato una bella sforbiciata ai miei capelli proprio oggi. Sono tornata al mio colore naturale, il castano chiaro. Si' ogni tanto ci vuole. Ma non e' che poi sia necessario cambiare tutto il resto eh... Bacio

      Elimina
  7. Pollo, maionese e pomodoro.
    gustevole.

    Penso di tagliuzzare pure io, fammi sapere alla fine cosa farai.

    Bacetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metto su anche per te?
      ;)
      Bacetto bimba

      Elimina
  8. venerdì sono dovuto andare in città per acquisti...
    Qualche ora.
    Ma io... mi rompo, ci sono mille mila cose più interessanti e belle da fare.
    Penso che se fossi donna, che anche il tempo per la parrucchiera mi scoccerebbe mucho.

    RispondiElimina
  9. quando una donna arriva ai capelli... altro che qualcosa bolle in pentola...

    (non ho letto il libro e non ho visto il film e credi sia disdicevole che io non sappia chi è Timi? : )

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros