lunedì 24 aprile 2017

Più del mare

Ieri ho deciso che i bambini mi piacciono più del mare. E io me lo sposerei adesso, il mare.
Abbiamo dato una mano ad un'amica che gestisce una fattoria didattica, mettendo a disposizione le nostre competenze. Le mie, di apprendista maestra e socia di maggioranza della "forever child association". Le sue, più dignitose, di ispettore forestale e fotografo naturalista.
Così  abbiamo messo in fila questi nove tipetti svegli, e via nel bosco. 
Poche indicazioni: osservare moltissimo, parlare pochissimo, raccogliere nel sacchettino in dotazione cose interessanti da poter analizzare in seguito.


E così, da un sasso all'altro, col torrente celeste che sciabordava appena sotto, i piedi andavano ora lesti ora pensosi, mente le mani facevano incetta di piccoli tesori.
Lui davanti a fare strada, io dietro a serrare le fila, e in mezzo le cento domande, i mille stupori. Di chi è questa tana? Come si chiama questo fiore? Perchè il bruco ha i peli? Ma il fiume, dove va adesso?
Sulla strada del ritorno la bambina di prima elementare mi dice che lei non si innamorerà mai, perchè deve aprirsi un'azienda agricola e non avrebbe tempo. La più piccola infila la sua mano nella mia e non mi lascia il tempo di rispondere.
Lui camminando si volta, cerca i miei occhi, e nel sorriso che mi fa c'è la stessa gioia perfetta che anima i passi dei piccoli esploratori.
Quando arriviamo a destinazione cerco affannosamente la bimba che si negherà l'amore.
Magari, le dico prima di consegnarla alla mamma, potrebbe aiutarti a mangere le mucche. Pensaci.
Ride spettinata, mi saluta con la mano.

18 commenti:

  1. La bambina di prima la sa lunga

    RispondiElimina
  2. Saper rispondere a tutte quelle domande, Dio quanto darei per poterlo fare.

    RispondiElimina
  3. Ah, i bambini sono fantastici! Grandissima quella bambina (e grandissimo il tuo contributo!)

    Però adesso mi hai messo un dubbio: perché alcuni bruchi hanno i peli? Forse perché sono di solito peli urticanti e, in genere, tendono a non essere mangiati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte sono sensoriali, alrtre urticanti... ;)

      Elimina
  4. Te sei una che ha bisogno di domande
    perchè una maestra senza domande
    che maestra è?
    Io ho bisogno di risposte
    anche se non so cosa chiedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come non sai cosa chiedere...?
      Chiedi dei monti, tu che sei del mare, chiedi della terra, tu che sei di venti...

      Elimina
  5. Mi rendo conto di essere profondamente bambina... ché a quelle domande rispondo in una maniera che solo i bambini apprezzerebbero, in effetti.
    Bacio grande, splendore di donna. L'avessi avuta io una maestra come te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra bambine ci capiamo. :)
      E le tue, son le risposte più giuste.
      Bacio a te stella

      Elimina
  6. I bambini hanno gli occhi e lo sguardo che gli adulti non sanno più avere: grandi e senza confini.
    Ecco perché, anche quando sono pronti a darsi un principio di vita pesante quanto una sentenza, come la bimba del tuo racconto, non si negano mai del tutto al futuro e alle sue possibilità, non potrebbero.
    Sono le sentenze degli adulti quelle veramente spietate: fanno a meno dell'esperienza, disprezzano la possibilità e il piacere di sognare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Sentenze che esulano dall'aver fatto, passato, vissuto. Orrore.

      Elimina
  7. Niente potrei (ri)sposarmi più del mare. Questi giorni ho subito addirittura il fascino dell'Adriatico, e ti ho detto tutto. Però lo sanno tutti perché il bruco ha i peli... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Adriatico!!!!?????? No, non ci credo.
      ;P

      Elimina
  8. Bella la realtà delle fattorie didattiche, insegnano molto ai bambini e restituiscono loro quel "contatto con la natura" che troppo spesso ormai, specie nelle città, si è perso, e invece fa benissimo, a loro e anche a noi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al cielo qui i bambini conoscono ancora bene l'ambiente naturale...è una fortuna...

      Elimina
  9. A me i bambini sono sempre piaciuti più del mare. Ed io il mare, lo adoro.
    Che loro sanno come trasformare una strada lunga e piatta nel mare più bello.
    Hanno la magia. Quella da noi perduta. Ma assieme a loro ne ritroviamo almeno un po'.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni giorno mi tuffo nel loro mare ;))
      Bacio a te marì

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros