sabato 1 aprile 2017

Paura e rispetto


E' vero, torno sempre là. Ma mica vado io alla ricerca delle vicende amorose, son loro che mi trovano.
Ho saputo qualche giorno fa di un affair: sposata lei, separato lui.  I due non volevano certo che la cosa salisse agli onori della cronaca, ma le bugie hanno le gambe corte. Qualcuno li ha beccati e ora io so. Come so io, sapranno altri, che (immagino e spero) eviteranno di rendere virale la questione. Se la grattino gli interessati.
Sicuramente il marito di lei ancora vive nell'oblio, ed è questo a farmi fremere un pochino le froge. Che si guardi a lui pensando "ecco quel poveretto...", mi causa un certo disagio.
Perchè di tutte queste faccende sentimentali/erotiche/coniugali mi salta all'occhio unicamente il tema del rispetto. 
Ribadisco per l'ennesima volta che son stata oggetto e origine, in tempi diversi, di menzogne,  tradimenti e altri irrispettosi inganni. Che proprio l'averli attraversati in prima e terza persona mi ha condotto al personale diktat secco ed incisivo: se rispetto non mento.
Certo che può accadere, ci mancherebbe. Di confondersi e invaghirsi, di scoprire che quel che si credeva amore non lo era affatto, di ritrovare vibrazioni e palpiti perduti. 
Ma nel momento stesso in cui avverti lo sfarfallio e porti le mani al petto colto da stupore, la storia precedente è già morta e sepolta.
A quel punto, non si può star lì a tergiversare. A sezionare la nuova avventura per capire se sarà davvero l'idillio immaginato. 
Già, perchè se poi non si rivela all'altezza? Se non dà alcuna garanzia di continuità e solidità (dato che per definizione l'avventura è indeterminata)? Si può fare marcia indietro, no?
Eh no. 
Oddio, è all'ordine del giorno. Storia extraconiugale inconfessata finita malamente, pianti e stridor di denti, rientro nei ranghi a capo chino (e cosparso di cenere).
Io non capisco il senso. E' tutto lì sul tavolo, chiaro e ben allineato come un'equazione matematica. Che poi va bene, mi si parla dei figli, del dolore che all'altro si causa, dei genitori anziani e del lavoro precario. Tutto sacrosanto e lecito e umano. 
Ma io chiamo questo: paura.
Perlomeno la mia, era squallida paura. Ho provato a camuffarla dietro a buone intenzioni, a raccontarmi che si chiamava abnegazione e sacrificio, ma squallida è rimasta, fino all'ultimo giorno. 
E' che rispettandosi ci si libera.
Che liberandosi, si libera rispettosamente l'altro.
Che l'altro ha - eguale - diritto all'Amore.

10 commenti:

  1. Allora ti dico questo: nessun uomo molla la moglie se non è costretto. Ergo, le "farfalle" sono una fandonia letteraria che abbellisce e incarta la considerazione più prosaica che nella maggior parte dei casi si tratta di un gioco divertente. Viceversa, l'alternativa non è tra "rispetto-verità" e "non rispetto-menzogna", l'alternativa è tra "fare-mentire" e "non fare", dove il "non fare" significa resistere alla tentazione in assoluto, la tentazione biomeccanica al livello più basso ed elementare possibile, come l'acqua per l'assetato.

    Finisco con questa considerazione: tu metti il marito "medio" in un lavoro per il quale trascorre buona parte di ogni giorno della sua vita in mezzo a ragazze giovani e belle e stai sicura che le conseguenze sono appunto biomeccanicamente inevitabili, come la finzione e la menzogna.

    Presumo che sia vero anche l'inverso ma parlo di quello che so, non di quello che ipotizzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dimmi, perché "nessun uomo molla la moglie"?

      Elimina
  2. eh... e li senti questi maritini una volta presi con le mani nella marmellata... ma amore è solo sesso, io ti amo!
    tuttavia pare che tener un piede in due scarpe sia un modo per far funzionare certi matrimoni. Poi non saprei dire, ognuno trova i suoi equilibri, personalmente la penso come te, rispetto. O c'è o ciao. nessun perdono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho detto anche altrove...dove sussiste una forma di "accordo", o la cosa è stata sdoganata da entrambi...ottimo! Mica siamo qui a moraleggiare. Deve star bene a tutti e due però.
      Coppie così io non ne conosco, ma pare esistano.

      Elimina
  3. Si. Solo quella. Paura. E nient'altro.
    Ci sarebbero un sacco di però. Li ho tutti qui, in nell'ordine.
    Ma non servono a niente.
    Solo, forse, a mettere un cerottino, piccolo e malfermo, sulla bocca della coscienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "In bell'ordine...".
      Sgrunt.

      Elimina
    2. Tu sei uno che vede...ti manca un niente Vip. E arriva quando meno te lo aspetti.
      Un sorriso.

      Elimina
  4. nelle situazioni bisogna starci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai bene che parlo di cose in cui sono stata.
      Prima sí che ero giudicante, alla cazzo.
      Adesso provo solo un'infinita pena per tutte le parti in causa...

      Elimina
  5. Sono situazioni complicate e se non le si vive meglio non mettersi a sprecare parole inutili. Mi è capitato di venire a conoscenza di una storia simile; lui era il compagno di una mia amica.
    Sono stata così male per lei...

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros