domenica 18 dicembre 2016

Nervi scoperti

Tra novembre e dicembre, due volte. 
Un motivo deve pur esserci. E' sempre stato un problema, in tutte le fasi delle mia vita, tanto che appena supero la soglia semplici conoscenti, alle persone amiche lo dico chiaro. 
Io non ricordo mai i compleanni. Sappilo. Che se per te è fondamentale, meglio chiudere qui.
La cosa curiosa è che io le ho provate tutte, perchè alcuni ci tengono davvero e vorrei assecondare. Agende, notebook, calendario, promemoria sul telefono. Ma in un modo o nell'altro, anche di fronte all'evidenza, evito, dribblo. Resetto.
Così quando la Claudia mi ha chiesto, il 26 ottobre, se il 26 novembre potevo esser libera per un aperitivo, l'ho pure sfottuta. Evvabbè, sei mica la regina d'Inghilterra! Cazzo, un mese prima fissiamo gli aperitivi?
Da sotterrarsi. Perchè non ho fatto uno più uno. Macchè. Ha dovuto chiamarmi lei il 27 novembre per dire che la serata era stata molto piacevole.
Uguale con la Jessica, a dicembre. Che le mando un messaggio idiota (in cui ovviamente non le faccio gli auguri) proprio il giorno del suo compleanno. Ma io ignoro che sia il suo compleanno, nonostante le sia amica da anni e spesso l'abbia festeggiato assieme a lei. Poi lei discreta omette e a me (non so come) vien su che i primi del mese, forse, magari, chissà. 
Sì, è oggi, dice lei. Mi son sentita così idiota.
A mia discolpa c'è da dire che ricordo ogni parola, ogni confidenza raccolta. Nomi, storie, luoghi, emozioni, amori, date. A volte mentre qualcuno racconta io so già, ma per discrezione non interrompo. Sai quella morosa che avevo all'università. Marta, vorrei dire io, ma taccio.
O mi informo sulla tal visita di controllo, e miracolosamente me ne ricordo il giorno stesso, pure in tempo utile.
Sono le candeline il nervo scoperto.
Comunque Universo, sappi che a me frega una cippa che ci si ricordi del mio compleanno. Così per dire.

22 commenti:

  1. Gli amici veri i nervi non se li scoprono per queste cose.
    Però non ti lamentare se non t'invitano più alla festa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...i nervi scoperti sono i miei...come dire "punti deboli o sensibili"...
      Vabbè. Non mi inviteranno alla festa. Andrò alla visita di controllo. :(

      Elimina
    2. Ah scusa...

      Sai che in un mondo dove FB è la fonte principale di ricordi e ricorrenze, qualcuno che dimentichi certe cose è perfino prezioso. Io a ogni compleanno vorrei sotterrarmi.
      Passati i 50 poi... Ho sto 60 che flasha davanti l'occhio ed è un bel panico.
      Con me quindi, per quel poco che possa valere, ricopri pure il nervetto ;)

      Elimina
    3. Che poi mica la so. La data tua...

      Elimina
  2. ...infatti proprio oggi una mia cara amica della quale mi è sfuggito il compleanno, ieri ovviamente, mi ha cortesemente e amorevolmente cazziato. A mia discolpa c'è che non sta su facebook. Il quale mi toglie cortesemente d'impaccio per tutte queste cazzarola di date. E gliene rende merito. Per chi non è iscritto.. amen. Se mi ricordo bene (e sono veramente pochi), se mi lo ricordano persone vicine, bene uguale... altrimenti si sopravvive. Sarà per l'anno prossimo. Ad arrivarci, ovvio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. Neanche io sto più su Fb. Ma non mi manca affatto :)

      Elimina
  3. le convenzioni sociali sono una scocciatura soprattutto quando sono prese e pretese per ingabbiare i ruoli... così ti faccio un regalo virtuale per il non compleanno, natale etc etc

    RispondiElimina
  4. Ideona!!!
    E se memorizzassi le date come: "visite di contreanno"?
    Eh?

    Oppure di "completrollo"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completrollo. Sa molto di crollo. Bello però...

      Elimina
  5. Io di solito mi ricordo le date di nascita (da bambina e da più giovane ero infallibile... ora è un po' che non sempre mi riesce bene, soprattutto le date da imparare nuove). Delle persone importanti una volta mi ricordavo in anticipo del compleanno, mi perdevo a pensare davvero un regalo, ... adesso sono molto più arida. Non penso davvero più a regali etc (eccetto che nei casi dei bambini... lì mi impegno).
    Non so perché adesso sono così. Adesso di sicuro, a meno che non ci sia qualche altra ragione, non mi metto a fare regali. A volte mi passa il compleanno di qualche persona cara ma per fortuna rimedio sempre in extremis (almeno finora è andata così).
    Alcuni anni or sono ho dimenticato persino il mio di compleanno. Ne compivo 38. Quel giorno ho pensato a tutto meno che a quello. Credo che l'unica a ricordarsene e a farmi gli auguri sia stata mia madre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio non potrei mai dimenticarlo...ma solo perché da qualche anno mi regalo una giornata indimenticabile...<3

      Elimina
  6. Invece io ricordo tutti i compleanni di familiari e amici cari. Una roba pazzesca. E senza nodi al fazzoletto, scampanellate, memo e post-it appiccicati ovunque. Invece, per gli anniversari sono una merdaccia. Non ne ricordo nessuno e più di una volta ho dimenticato quello dei miei genitori, roba che mi sotterrerei. Ah e ricordo pure gli onomastici, sarà che sono terrona e da noi si festeggiano più che i compleanni. Si sono pure una rompiscatole perché ci resto malissimo se non si ricordano il mio. Che poi a leggerti diamo la stessa importanza alle cose che sono importanti per noi. Ma alla fine ciò che conta non è esserci per chi vogliamo bene? E sono sicura che come me, tu ci sia sempre. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ero certissimissima. Che tu fossi tra quelle molto brave e attente. :)
      In effetti, al di lá delle ricorrenze, conta sapere che ci siamo. E ci siamo.

      Elimina
  7. io sono come te. ma peggio faccio con i nomi dei figli dei miei amici. non me li ricordo MAI!

    RispondiElimina
  8. Chi se la prende a morte per quel genere di dimenticanze è uno/a che non ti conosce o, minimo, si è stra-dimenticato di come sei, di quel che hai detto, ecc. ecc., uno/a che segue solo il proprio ordine mentale, trasformandolo in ordine "mondiale". Di solito, correggimi se sbaglio, prendersela per questo genere di dimenticanza è un'attitudine prevalentemente femminile, quindi tu "non sei abbastanza donna dentro"! E giù una risata, dai, ché qui non sto sfottendo te ma tutti/e quelli/e che ti impongono le date con il dito alzato e minaccioso.
    Io sto a metà: a volte mi ricordo, altre volte no, forse sono trans-gender? Altra risata.
    Solo una volta me la presi per questo genere di dimenticanza nei miei confronti, ma c'era dietro tutta una storia lunga e tormentata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, molto femminile. Concordo. Ma io sono assai ormonale, quindi dovrebbe appartenermi!

      Elimina
  9. Meglio un amico che non ti fa gli auguri piuttosto di cinque conoscenti che te li fanno solo perchè glielo ricorda facebook.

    Pensa poi che io facebook manco ce l'ho.
    Quindi ho festeggiato il compleanno da solo.

    No dai non è vero, eravamo in venti e abbiamo pranzato e bevuto vino tutto il giorno.
    Tra l'altro ho festeggiato ieri.
    Evviva.

    RispondiElimina
  10. Ciao Gioia bella. Passo per augurarti giorni sereni assieme alle persone care. Passeggia, scrivi, abbraccia e goditela.
    Buon Natale e buone feste.
    Ti abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros