martedì 2 febbraio 2016

My skin

Nei giorni del primo risveglio scrissi ad un uomo che mi voleva. Non si desse la pena di inseguirmi, perchè avevo cent'anni. Smettesse di bussare, perchè oltre la porta sedeva una vecchia, cieca e arsa, senza nulla da porgere.
Mi occorreva quella morte prematura, quell'assenza di sentire. Me la tenevo cara.
Ora che ho destato il mio corpo bianco, ora che conosce rapimenti e sussurri, mi pare a volte sfugga. Come se le connessioni, i raccordi, i segnali, fossero ancor tutti da rodare. Come se la pelle non avesse mai fatto tesoro, o conservato memoria di carezze, malanni, fremiti, fuochi accesi, labbra. 
Come se solo adesso, fosse pronta a custodire.

16 commenti:

  1. Vedi Gioia il web è pieno di diari personali minimi, storie comuni scritte comunemente. In fondo sono tutti uguali. Tu hai un dono: rendi il personale universale perchè scrivi come se fossi uscita da te stessa. Ti guardi osservi senti, senti con una profondità grande e antica. In genere sono i nostri commenti a rovinare tutto, a immiserire il racconto assolutamente letterario della tua esistenza con una sintassi da elenco telefonico. Scrivi benissimo, sei puntuale, lirica. accesa, eterea a volte, giovanissima e anziana assieme come se ricordassi molte altre vite tutte chiuse dentro il tuo animo. Molti dei tuoi post meriterebbero il cartaceo, complimenti.

    RispondiElimina
  2. Si, proprio così. Come dice anonimo.

    RispondiElimina
  3. i corpi sfuggono. i pensieri anche di più

    RispondiElimina
  4. Anche io la penso come anonimo e sono felice che una come te mi sia amica.

    RispondiElimina
  5. ...anonimo, sei un lecchino:)))
    Un altro anonimo...

    RispondiElimina
  6. Io la vedo così:
    - Il primo anonimo ha ragione
    - gli altri commentatori hanno capito con l'esatta misura il senso del primo commento.
    - il secondo anonimo è un imbecille che vuole far sì che la proprietaria di questo blog sia imprigionata dentro la moderazione dei commenti.
    Questa blogosfera mi piace sempre meno. Ciao Gioia, non hai bisogno di difensori, sei perfetta così.

    RispondiElimina
  7. mah ... riflettevo che il cambiamento si nota meglio su flirck, i soggetti delle tue foto (di allora e di adesso) parlano più di mille parole

    RispondiElimina
  8. Wow. Che dire?
    Prendo tutto e metto in dispensa per i giorni scuri. In ogni caso non mi risentirei se si dicesse che sono banale, scontata, o retorica. Scriviamo per farci leggere (come chiunque scriva, non per noi stessi...anche se ce lo raccontiamo). E i lettori sono variegati. Per fortuna :))
    Grazie dalla me giovanissima e dalla me vecchissima

    RispondiElimina
  9. io non sono ancora pronta credo a custodire.
    bel post in ogni caso.
    ciao

    RispondiElimina
  10. Sei banale, scontata retorica!

    RispondiElimina
  11. .. scherzavo!
    volevo vedere se davvero non te la prendevi :))

    RispondiElimina
  12. ma che cattiva! meriti un idraulico pasticcione ecco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un idraulico pasticcione? Acci...ho perso qualche passaggio amico Pier...

      Elimina
    2. Nel senso...ho capito che ti rivolgevi alla Silvia...na l'idraulico mi manca :))

      Elimina
  13. Che posso aggiungere che non abbiamo detto i commenti qua sopra? Niente, se non che tra la bimba e la donna ecco qua l'adolescente :*

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros