mercoledì 17 febbraio 2016

Alfabeto delle emozioni


Scrivere a qualcuno è l'unico modo di aspettarlo senza farsi del male.
(A. Baricco)

In seconda elementare scrissi una lettera a Marco B. Ci tenevo sapesse che lo veneravo come un biondo essere superiore, e che non mi importava affatto se era bassetto, perchè di fronte all'amore vero le misure sono bazzecole. Durante l'intervallo, con mani tremanti, infilai la busta (corredata di foto ritratto) nella sua cartella.  
Avevo chiesto a papà di scattare la foto, che mi ritraeva seduta in salotto con il Cicciobello fra le braccia. Circola ancora una copia di quello scatto compromettente: ho i capelli giallo pulcino e un sorriso disarmato, radioso.
E così, misi incautamente fra le mani di un settenne ogni mia debolezza, senza paura. Avrebbe potuto farmi a pezzi.
Invece Marco si prese del tempo, moltissimo tempo. Ma un giorno, mentre tornavo mesta verso casa mi raggiunse di corsa e senza parlare, mi prese la mano. Non cambiai espressione o passo. Non mi voltai a guardarlo, non chiesi. Non respirai.
Stelle, sogni, temporali, bolle di sapone e gelato alla fragola. Mi sembrò che fosse tutto lì, in quel palmo tiepido e asciutto.

19 commenti:

  1. Che tenerezza. Io non ricordo di avere avuto "un Marco" tanto galante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. Ma tu, scrivevi lettere d'amore??? :)))

      Elimina
  2. Avevo ina Katia e il ricordo mi emoziona ancora

    RispondiElimina
  3. Io manco in 2da superiore...
    Comunque si. È tutto li.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che io sto da sempre innamorata dell'amore.
      Allora per forza è tutto lì :)

      Elimina
  4. Mi dai certezza che solo i bimbi possono, esprimere le proprie emozioni con purezza e naturalezza.
    Poi cresciamo.
    E magari ci crediamo ancora alle emozioni, ma non alle persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E smettiamo di esprimerle, dirle, raccontarle. Per paura.
      Io non ho mai smesso...non so se sia un bene.

      Elimina
  5. ...ma Marco era adorabile, dai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che adesso fa l'autista del bus?
      E non è più biondo...

      Elimina
  6. sette anni....chissà se io avevo una amichetta speciale a sette anni....ma mmmi pare di sì sai ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete forti.
      E' la domanda tipica che faccio ai miei alunni.
      "Sono fidanzato con x"
      "Ma x lo sa?"
      :D

      Elimina
  7. No vabbe' *_________* molteplici cuori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presi tutti al volo come farfalle... ;)

      Elimina
  8. ... mamma che poesia, tu, quello che hai fatto, quello che fece lui e questo scritto

    mi hai fatto venir voglia di innamorarmi

    RispondiElimina
  9. ma come non associarti a questa canzone eh teacher? :))

    RispondiElimina
  10. Che bellezza tutto questo! Lo sai, vero? :D

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros