martedì 31 marzo 2015

Play a song for me


Sabato, mentre attraversavo il fiume Tagliamento, verde da confondere gli occhi, alla radio passava Dylan.
Nella tracolla dieci pagelle da compilare, la fotocamera, un libro della Szabo, un sacchetto di biscotti.
Ho pensato alla finestra che mi ha cambiato l'esistenza. Mi sono affacciata, ho guardato giù, e nulla è stato più quello che era. Da una finestra d'agosto è entrato l'universo intero, nella mia piccola vita quadrata di formica giudiziosa.
Grazie a quelle due ante aperte, sabato mi sono seduta a gambe incrociate, faccia al lago, pensando di scriver pagelle e mangiar biscotti. Invece, ho regalato le braccia nude al sole.

Domenica abbiamo varcato il confine. Vai di là e tutto rallenta, tutto torna a misura. Nella birra nera che sa di fumo, nel vento che segna gli occhi, nei muri imperfetti, storti e bellissimi, si trova casa. 
Salendo in cima abbiamo riso. Di quel tale che l'altra sera passava in bicicletta e vedendoci abbracciati sotto il lampione ha detto: "tenle dure che se no e scjampe" (tienila stretta, altrimenti scappa).

Quel giorno d'agosto la formica ha lasciato il giudizio e aperto un varco nel quadrato: ora raccoglie provviste di mondo.

20 commenti:

  1. quella parte oltre confine non è male

    RispondiElimina
  2. "La vertigine non è paura di cadere, ma è voglia di volare..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quante volte me la canto... ;)

      Elimina
  3. Che belle le tue parole... da respirarle e cercare di trattenerle dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però leggendoti stasera ho trovato geniale l'idea del calendario ad immagini e parole... Vorrei averla avuta :)

      Elimina
  4. Due cose: 1) continuo a dire che una maestra come te l'avrei tanto voluta, cioè, troppo forte a scrivere (anche se poi hai preso il sole, ma l'intenzione quella era) pagelle seduta sul davanzale della finestra! ^^ 2) mi sa che il tale con la bicicletta ha ragione... chi di dovere insomma ti tenga davvero stretta ;)

    Un grande abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurì! A Pasqua emigri? Vai a tenerti stretta la tua Stella?
      Abbraccio a te!!!

      Elimina
  5. Si può bocciare qualcuno di fronte all'infinito? No, non si può.

    RispondiElimina
  6. da formica a farfalla che, volando, regala parole, immagini, colori. Che meraviglia!
    Emanuela

    RispondiElimina
  7. Dylan e l'apertura verso il mondo, fai volare. Lui lo sa? Scrivi con una luce immediata, questo è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cosa deve sapere lui, Enzo? Che mi piace volare? Questo si, lo sa :)

      Elimina
  8. Lo so che mi ripeto, ma che posso farci, hai la capacità di scrivere facendo si che le persone "vivano" il momento.

    Non ti dico alla lettura della parola "scjampe" mi son ritrovata davvero in un'altra epoca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenta attenta... E se dico "mula"????

      Elimina
  9. Tutto bello anima mia :-)
    Ma
    Quando vai oltre confine, è tutto più bello no?
    Il problema quando ritorni a casa.

    Sto parlando per metafore eh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No bimba...oltre confine mi ricarico. Poi è bello tornare.
      Ti strucco

      Elimina
  10. La musica... e si la musica... e Dylan poi... io non volo la ascolto...
    Brava

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros