domenica 22 febbraio 2015

Teorema

"Vorrei renderla felice"
"E' semplice. Ascolta bene.
Accarezzale la schiena mentre lava l'insalata. 
Fante donna re. In una domenica all'ora del tè, fai una partita a ramino con lei, gambe incrociate teste inclinate.
Alza il volume adesso. Alla radio passa il pezzo che tu sai, e invitala a ballare col sorriso che hai.
In mezzo a ordinazioni, commensali, clienti abituali, stringile la mano sotto il tavolo, a dire che ti importa del resto, noi siamo Due adesso.
Mostrati dolente, incorente, arrabbiato, imperfetto. Lei ti vuole vero, non senza difetto.
Chiamala infermiera, santa, puttana, donna in carriera. Gioca con lei sul tappeto, la poltrona, sotto un tiglio, un cielo vermiglio, una tenda canadese. Gioca l'amore con le braccia, i fianchi, la faccia. E ogni tuo umore: che siete sostanza, sapore.
Portale a casa un sasso, una storia, una conchiglia, un ramo fiorito, qualcosa che le somiglia. 
Leggi per lei. Seduto al suo fianco, le gambe allungate al sole, imprestale un passaggio, un dialogo incalzante, due parole.  
E svegliala una notte, che non puoi prender sonno. Dille che non sai immaginare, come sarebbe andare, senza affiancarle il passo".

24 commenti:

  1. Anche "improvvisati in un assolo insieme a lei" potrebbe funzionare, nel mio caso :)
    Un bacio, Gioia bella. Scrivi sempre magie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi, per ora, mi improvviso io con te :)))))

      Elimina
    2. Quando vuoi :) ti va bene la chitarra elettrica?

      Elimina
  2. Mi viene in mente la canzone di Elio & le Storie Tese, "Servi della Gleba".
    https://www.youtube.com/watch?v=FbPtvFxUb60

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace Elio, da sempre, e la canzone la conosco assai bene.
      Quando saró guarita dalla "sindrome della geisha" scriverò di lei. Di quel che può essere lei, per lui.
      Ora come ora, non mi riesce.

      Elimina
  3. Sì appena puoi scrivi di lei. Tu che scrivi come se suonassi un'arpa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benedetta la Marì...che invece ho scritto un post sulle gatte morte :)))))

      Elimina
  4. ... mi piace, mi son ritrovato quasi a canticchiarla :)

    RispondiElimina
  5. Che belle immagini e parole :) Mi piace particolarmente poi il finale, quello svegliarsi di notte per dirle che senza lei non ci sarebbe davvero nulla, nulla potrebbe esistere... bellissimo :)

    Un abbraccione a te, Gioia, che scrivi davvero toccando ogni volta il cuore di chi ti legge :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. si si.. dillo che è successo l'ultima volta che hai telefonato a Paola alle tre e mezza di notte.. ^_*

      Elimina
    2. Ma Paola lo ama intensamente :))))

      Elimina
  6. Giovanni Lindo Ferretti Ferretti (e Ginevra Di Marco) cantavano che l'amore non si canta perché si canta da sé.
    Eppure tu, Gioia, sei riuscita a superare questo limite con questa paginao meravigliao!

    RispondiElimina
  7. Si ma diciamolo.. esistono uomini così!? No che poi una aspetta che arrivi, e nel frattenpo arriva a 80 anni ;)

    RispondiElimina
  8. Mi stavi intenerendo e poi.. al "portale a casa un sasso", io che di sassetti e conchiglie riempirei casa e che il mio amore me li farebbe magna' tutti.. non ce l'ho potuta fa'.. "portale a casa un sasso", io che tutto il resto lo faccio lo penso lo gioco e lo sorrido.. sarebbe un crollo di impalcatura che non t'immagini.. troppo carino!! Mo' je lo leggo e aspetto la faccetta che fa al sassetto che mi fa traboccare la mensola.. che gioia leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora Franco???? Che ha detto l'amortuo?

      Elimina
    2. "Portajeli a Gioia.. anzi, aspetta che te ne incarto 'nartra decina.." che belli che siamo!... ;)

      Elimina
  9. Parole bellissime, è davvero un piacere leggerti!
    A presto,
    G

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros