mercoledì 25 febbraio 2015

Categorie da evitare


Dunque.
Sto elaborando un pensiero (del tutto soggettivo, sia chiaro) sulle categorie di individui incrociati nel corso del tempo. 
Cosa accomuna le persone che dopo approfondita conoscenza mi hanno dato modo di prendere distanze abissali e incolmabili? Quali i caratteri, le peculiarità, i tratti distintivi?
Ovviamente la classificazione comprende categorie diverse. Analizzerei quindi oggi la prima e vasta famiglia: le gatte morte.

Gatta morta
Definizione (dal Treccani)
Persona che, sotto un aspetto tranquillo e mansueto, nasconde tutt’altro carattere. Ostentare semplicità oppure indifferenza, far finta di non vedere o sapere, per non destare sospetti e riservandosi di agire a proprio vantaggio in un momento più opportuno. 
Descrizione:
La gatta morta non è bella. Ma neppure brutta. E' neutra. Non mostra di distinguersi per scelte azzardate e/o originali: colori dal beige al grigio (con qualche tocco di nero, bianco e blu), trucco assente, scarpe impersonali. Ciò che la rende immediatamente classificabile è il timbro vocale: un po' nasale, a volte acuto. Comunica trascinando leggermente le vocali, come in una lieve (ma continua) lamentazione.
Perchè diffidare delle gatte morte:
Qui viene il bello. Perchè a dispetto del suo personale sciapetto la gatta morta piace al genere maschile. Colpisce dritta a segno utilizzando con maestria dissimulata le seguenti strategie:
- chiede svenevolmente aiuto (quale uomo può resistere al richiamo di una femmina in difficoltà? che si dichiara fragile e incapace? che si affida colma di fiducia a possenti braccia e superiore cervello?)
- adula senza posa utilizzando un registro ben collaudato: "tu che sei così bravo...", "tu che conosci questa cosa...", "tu che sai consigliarmi...", "tu che mi risolvi sempre i problemi", "solo a te posso chiedere questo..."

Fine della prima lezione. la prossima volta ci occuperemo della seconda categoria: uomini che quando si presentano ti guardano le tette.

28 commenti:

  1. Già, UomoCoso, ce ne fossero di più di gatte morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok. Fornisci l'indirizzo che le inviamo tutte a te :))

      Elimina
  2. Come mai questa svolta oserei dire ideologica del blog?

    Io ho ben presente le gatte morte ma frequento ambienti privi di gatte morte. C'è da parte del genere femminile molta acredine verso le gatte morte, più che altro per lo stupore di vedere inutili tutti i tentativi di esaltare la propria femminilità.

    Ma la gatta morta non raggiunge il proprio scopo. Di solito non scopa un granché e a portarla in giro non fai gran figura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dire

      Ora che ci penso ne conosco una

      Piange sempre

      Due palle

      Elimina
    2. Forse _tra è(ra) in una fase di gattamortismo.
      Non piange(va) sempre ma era negli spazi, tu diresti, squinternatici. Del resto è(ra) interessante anche per questo.

      Elimina
    3. Siete forti.
      In effetti la mestizia non aiuta a letto. Ma può confondere inizialmente. :)
      Le lacrime vengon fuori sulla lunga distanza.

      Elimina
  3. Ma invece quelle che mettono sotto sulla statale e restano lì con le budella tracimanti per una settimana, come le vogliamo chiamare?
    p.s. si, ci sono quelli che guardano le tette in fase di presentazione, ma ti assicuro che trattasi sempre di tette distraenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su "tette distraenti" mi son fatta una grassa risata ;)

      Elimina
  4. A me piacciono le gatte morte..... mi piace giocare con le gatte morte, mi piace arrivare fino al punto che resuscitano .... e poi ciao ;)

    P.S.
    Se dicono che anche le zanzare hanno la loro utilità... perchè non dovrebbero averla le gatte morte :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaaah...bastardissimo proprio :)))

      Elimina
  5. Le gatte morte... vorrei farle tornare in vita per ammazzarle poi con le mie mani. Altra caratteristica che hanno è quella di credere (nonostante l'aspetto fisico non le aiuti) che qualunque essere umano graviti intorno a loro ci stia provando e sia innamorato di loro. E te lo dicono senza ritegno. E io mi chiedo se allora sono l'unica che quando qualcuno mi guarda il solo pensiero è "ma ho qualcosa in faccia?"
    Bacio, Gioia bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, cogli sempre la sostanza. Pur di tenerlì lì appesi venderebbero la madre. Ma hanno un loro occulto potere, credimi...
      Bacio a te stella :))

      Elimina
    2. Hanno il potere che altri lasciano loro...
      J

      Elimina
  6. Da un tempo lontano, che ha fatto di me quello che sono oggi ;)
    https://diamantablog.wordpress.com/2007/04/23/cosa-faro-da-grande/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi usare i link code, te possino ;)

      Vipe

      Elimina
    2. Eh, Vipero...copia e incolla... :))))

      Elimina
  7. Ahaha, che corso interessante, mi iscrivo volentieri, e ho già preso appunti per poter ripassare poi anche a casa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che studente modello...ma si sapeva ;)

      Elimina
    2. .. e gli conviene studiare mooolto bene al ragazzo.. hihi

      Elimina
  8. Risposte
    1. Ah. Perché ti senti chiamato in causa? :)

      Elimina
  9. le gatte morte indossano anche vestiti colorati....quelle che le contraddistingue è quell'atteggiamento da cappuccetto Rosso, oppure da Biancaneve......" sono qua, povera piccola fragile creatura.....pensa tu a me....
    Le gatte morte in realtà sono ottime manipolatrici. E hai ragione: quanti uomini non sanno resistere a chi dice loro " tu sei grande, forte, ti prego abbi cura di me..." ma cura di cosa?
    Mi consolano due cose:
    esistono una marea di donne che NON sono gatte morte
    esistono uomini che , quando ci incocciano, si mettono a ridere.
    Emanuela, convinta che esistano uomini e donne in grado di affrontare e vivere un rapporto alla pari, senza sbatter di ciglia e senza la sindrome di San Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo totalmente la tua convinzione Emanuela cara :))

      Elimina
  10. Lo ammetto, se ci sono tette devo compiere uno sforzo enorme per non ammirarle. Cerco di fissare un punto a caso, sopra alla fronte.
    Non devo avere un'espressione da essere senziente, comunque.

    Vipero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che fai? Già outing? :D

      Elimina
    2. Di tutto il testo sopra, ho letto solo "tette". Trattava di altro?

      Vip

      Elimina
  11. Io conosco gatte morte con un tono di voce così suadente ma così suadente che non ci sono tette distraenti che reggano...

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros