venerdì 6 giugno 2014

Ero, sono


Disse che la luce in cui si abita da giovani sarà la luce in cui si vivrà per sempre.
(A. Baricco, Tre volte all'alba)

Si parlava così, e raccontavo.
Di quando, poco più che maggiorenne, guidavo il pulmino del Centro. Otto posti.
Io alla guida e sette adulti diversamente abili e diversamente agitati alle mie spalle. Cantavano, ridevano, commentavano culi e tette delle passanti, picchiavano sul vetro per salutare gli automobilisti.
Quando la responsabile mi dava le chiavi del mezzo dicendo "portali al mercato", non stavo nella pelle.
Mi piaceva, mi faceva sentire grande, capace.
Loredana, brutta da morire, ma corteggiatissima dai frequentatori del Centro. E Sulvan, nome e altezza improbabili, che incrociando la gente per strada minacciava torvo "è mia Gioia, è mia".

Quindi sì, io abito quel cono di luce. Anche se a volte forse, mi sposto un po'.

28 commenti:

  1. Tu non ci abiti, SEI quel cono di luce :-)

    RispondiElimina
  2. Abbiamo tutti in cono di luce.... meglio se con panna montata.

    RispondiElimina
  3. Io il cono lo preferisco al pistacchio. Lo so, lo so. Oggi sono pessima. Tu invece pura luce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi invece sei vicinissima...chissà perchè!!! :)

      Elimina
    2. Ma che davvero? Bacio del sabato :-)

      Elimina
  4. Rimettiti subito sotto quel cono... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Franco, ci provo io. Ma vedrai che ce la faccio....

      Elimina
  5. La luce va e viene come il giorno e la notte e cambia in base alle stagioni. I ricordi di piacevoli pezzi di vita che hanno scaldato il cuore sono balsamo per l'anima. Meglio il bene del male. Meglio la gioia delle tristezza. Meglio la pasta al sugo che il brodo. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmm...e se dicessi che non amo la pasta? :)

      Elimina
    2. Ti direi che le donne che non mangiano pasta sono più belle.
      E, ne sono sicuro, sono anche piene di gioia.
      Come te.
      Ciao cara.

      Elimina
    3. Uhm... io adoro la pasta. E nessuno mi aveva mai detto che per questo motivo ero meno bella di altre. "Bella dentro".

      Elimina
    4. Nemmeno io vado matta per la pasta, eppure dentro sono figa dell'ostia :-)

      Elimina
    5. Ehi, voi due strafighe dentro e fuori...mi avete fatto ridere al semaforo :D

      Elimina
    6. Ma è solo un gioco di parole!
      Siete tutte magnifiche sia che vi piaccia il brodino, la pasta, la carne o il pesce.
      Voi siete la bellezza del creato, l'inno alla vita, la fragranza di un fiore, uno dei pochi motivi per cui vale la pena di vivere.
      E vale anche per le donne che mettono il parmigiano sul tonno.

      Elimina
    7. Azz. Beccata.
      Se (e dico se) mangio la PASTA col tonno, ci metto il parmigiano sopra.
      Prima o poi, veniva fuori.

      Elimina
    8. No, il formaggio sul pesce gna faccio :-/

      Elimina
  6. Il sole dentro quando c'è non si spegne più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte fai fatica a sentire il suo calore però...

      Elimina
  7. cono o non cono, una stella brilla di luce propria.. tu :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nuova stella di Broadway???? :))))

      Elimina
  8. Come eri giovane in rapporto a quell'esperieza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto...ma assolutamente all'altezza, posso dirlo...

      Elimina
  9. preferisco stare distante dal cono luminoso
    mi avvicino a volte, piano e di soppiatto
    solo se sono fra amici, gente che conosco, sicura
    ciao Gioia

    RispondiElimina
  10. E se non ci fosse stata luce in gioventù?

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros