mercoledì 9 agosto 2017

Tante estati


Agosto mi porta le estati passate. Sarà per la sua forma lunghissima e perlacea,  per il languore di lenzuola e penombre, o per il suo odore dolce di mele disfatte.
Indugio ad agosto, attendo le cose tornare con la risacca.
L'estate in cui precaria sulla bici del nonno vado con la Alessia a comprare il pane in capo al mondo, perchè dietro il banco ci sono due fratelli, belli da morire, che ci chiamano "ragazze". Appena fuori ci sediamo sotto l'albero a sbocconcellare il pane fresco, e immaginiamo il giorno in cui li sposeremo e diventeremo nuore. Ma no, si dice cognate.
Torna quella brada, in due sul Ciao rosso del Paolo, che siamo troppo piccoli per dare un senso a quella prossimità piena di segreti. Allora lui dice "fai la radio!" e io urlo a squarciagola Johnny, we're sorry, won't you come on home.
L'estate a passeggio sul lungomare di Paestum, i sandali intrecciati, aria densa di sugo rosso e salso. Così tante luci e suoni e facce da aver paura di perdere i bambini. Stringo le loro mani troppo forte, mentre il cuore fa il balordo e io lo metto in castigo dietro la lavagna.
E poi l'estate del guardaroba regalato in blocco, che tutto mi balla addosso, le ossa del bacino pungono se dormo a pancia in giù. Una sigaretta via l'altra nel francobollo della terrazza in città, che son le tre di notte e non c'è nessuno da poter chiamare.
In questo agosto di fiume e ciottoli, archivio ricordi che sanno di asfalto bagnato e cocomero.

24 commenti:

  1. Agosto lo sto scoprendo ora, obbligato a fare le ferie nel mese peggiore.
    Prima era giugno/settembre, tutto d'un fiato.
    Poi l'estate divenne il momento del lavoro forsennato, e delle vacanze alternative, nei mesi d'inverno.
    I figli invece, costringono. Ed ecco agosto.
    La routine s'impossessa anche di questi giorni, però capace di regalare momenti memorabili.
    Forse quelli che mancavano prima, o che non hanno lasciato tracce indelebili, o che ricordare stuzzicano pruriti su vecchie cicatrici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lasciare che la routine si impossessi delle cose tue...
      Comunque Vip, anche il tuo piattino di spaghetti alle vongole veraci, lascia traccia. :)

      Elimina
  2. Agosto, per un settembrino come me, è sempre stato transito, rampa di lancio, attesa del verde. Poi la famiglia genera esigenze diverse, e allora ecco le vacanze fuori, la Grecia soprattutto, le sue isole, un anno senza e già fremo per il futuro.. ma lo scrigno di memorie è sempre rigonfio, basta una cicala, un'ombra accartocciata, un silenzio che tracima.. e ti si rovescia sul tavolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Settembrino perchè sei di settembre o perchè lo ami?

      Elimina
  3. Ho sempre preferito luglio.
    Agosto ha quel sapore di titoli di coda, solo una manciata di giorni prima di settembre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io giugno. Agosto però è il cuore dell'estate.

      Elimina

  4. Belle le immagini di Agosto dalla forma lunghissima, attendere le cose tornare con la risacca, mettere il cuore dietro la lavagna, la terrazza-francobollo.

    Tutto in così poche righe. Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so mica superarlo un tot di righe. E' una specie di blocco.

      Elimina
  5. .....oh che belle estati e bei 'quadri' :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu?? Cosa racconti? ;P

      Elimina
    2. Non son bravo come te a raccontare... verrebbero fuori righe e righe di "................"

      Elimina
  6. saluti.

    Insetto marrone

    (che mai si dimentica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bei tempi quelli, caro lei.

      Elimina
    2. e alore...mandulis e bus ai frus!

      Elimina
  7. Va che bel post hai scritto....

    RispondiElimina
  8. Finora, questo agosto per me è il migliore agosto di sempre...
    ...spero di non aver preso un granchio stratosferico! Ma sono quasi felice... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...ma che notizia! E' successo qualcosa?

      Elimina
    2. Qualcosa di paragonabile ad un'esplosione atomica.
      Però, un'esplosione atomica buona... o almeno spero.
      Sono sempre uguale a me stessa, solo in una versione di base più felice... speriamo che duri!

      Elimina
  9. E' bellissimo questo post, è denso come un corto d'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Lee io son corta di natura. Una stangona corta.
      Bacini

      Elimina
  10. Una riga in meno e sarebbe poesia
    ma non farlo, la prosa è più rilassante
    e adesso ho bisogno di pace.
    Notte Gioia.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros