domenica 29 gennaio 2017

aritmetica per un'amica


Le cose non capitano così, le cose accadono. Anzi, proprio cadono. Sembra una roba improvvisa quel crollo, quella rovina, invece stava tutto lassù da un sacco di tempo, massiccio e pesante. E a forza di crescere, cade.
Perché le parole non dette salgono verso l'alto, si fermano sui soffitti. Specie quelle brevi, secche.
I "no" privativi, i "va bene" sospirati, i "sí" sporchi di nostalgia.
Poi si dice ma come, così all'improvviso, non c'erano avvisaglie!
Invece c'erano eccome. Bastava alzare gli occhi ed era tutto gravido e compresso là, sopra le teste.
Affanni sparsi, alzate di spalle, sillabe, gesti interrotti. E quel che più pesa, i desideri accantonati.
Non ci si abitua mai a sottrarre. Si crede di poter togliere e togliere dal minuendo quelle che paiono piccole cifre, ma poi tocca tirare la riga e guardare il risultato. Si pensa che un poco possa bastare, ma alla fine - cazzo - serve l'intero.
Alza la testa, e guarda su. Puoi farlo.

38 commenti:

  1. Da un certo punto di vista (anzi da molteplici) sono le parole che mi servono in questo momento...

    Un abbraccio,

    RispondiElimina
  2. Funziona anche al contrario.
    Io avevo dei barattoli di monetine, accumulate svuotando le tasche quando andavo a fare la spesa.
    Tramite una procedura un po' laboriosa li ho portati in banca, erano 60 euro, in un paio di chili di metallo dentro una scatola di muesli della Coop.

    Il fatto è che però le monetine dentro il barattolo sono state per anni 60 euro potenziali, finché casualmente ho chiesto in banca come si poteva fare per cambiarli. Nel barattolo erano solo due chili di ferraglia.

    Ergo, non è l'aritmetica ma l'azione di ordinamento del mondo.

    RispondiElimina
  3. Certe volte basterebbe aprire un po' di più gli occhi per vedere quello che abbiamo davanti.
    Ma a volte fingiamo di esser ciechi, e spesso finiamo col farci veramente male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi hai voluto star cieco pure tu, come nel mio caso, hai un radar per riconoscere i ciechi 😊

      Elimina
  4. ...ma poi tocca tirare la riga e guardare il risultato

    Quanto hai ragione. E di solito quel risultato non é mai, mai, quello che ci aspettiamo

    RispondiElimina
  5. non ci si abitua mai a sottrarre.
    e invece è proprio un'abitudine.
    continua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa di quanto hai fatto aumentare l'entropia dell'universo nel processo di classificare e contare e convertire la ferraglia in euro... :D
      Hai avvicinato il nostro bel mondo di un passo verso la morte termica!

      Elimina
    2. Ops! Posto sbagliato: era la risposta a Lorenzo sopra.

      Elimina
    3. ambè, attenta eh... :P :D

      Elimina
    4. Ci ho messo di più a capire come fare a convertire la ferraglia che si trovava in stato di euro potenziale sulla mia scrivania. Anni e anni. Avevo pensato di andare in centro Milano alla sede della Banca D'Italia, pensa te.

      Ho saputo per puro caso che non solo in banca ci sono delle macchine dove tu butti dentro la moneta (due) ma che gli impiegati sono dotati di un contenitore di plastica formato da due valve tipo conchiglia che, una volta chiuso, forma un cilindro col numero esatto di monete scritto sopra. Quindi te non fai altro che ficcare le monete dentro alla valva mezzo cilindro finché ci stanno, poi chiudi e metti via. Vai in banca e loro non contano le monete, contano i cilindri. Un cilindro di 40 monete da 50cents va 20 euro, mica pizza e fichi.

      Pensa quelli che vanno al centro commerciale a comprare TV da 43 pollici nello standard 4K e poi tornano a casa e scoprono che non esistono video in quel formato a meno di non tornare al centro commerciale a comprarli.

      Elimina
    5. Comunque, la morale della favola è che le cose non capitano, le fai capitare.

      Elimina
    6. ...quindi l'hai cambiata la banca che non voleva cambiarti la ferraglia? ;)

      Elimina
    7. ma che gli impiegati sono dotati di un contenitore di plastica formato da due valve tipo conchiglia che, una volta chiuso, forma un cilindro col numero esatto di monete scritto sopra: wow!!!

      Vai in banca e loro non contano le monete, contano i cilindri.
      Non so esattamente come sono fatti i cilindri, quindi chiedo: se vengono contati i cilindri e non il loro contenuto, esattamente cosa previene che uno metta dentro, che ne so, del cemento, e faccia convertire il cemento in euro?

      Ma poi, che c'entrano quelli che comprano TV da 43 pollici nello standard 4K? Che è lo standard 4K?
      Fanno aumentare l'entropia?

      E tutta questa informazione codificata su un qualche HD da qualche parte, quanto fa aumentare l'entropia?

      :D

      Elimina
    8. Sono in banca e mi permetto il dettaglio: si, diamo i cilindretti plastificati, ma dobbiamo controllare perché spesso - e non per provarci, ma solo per scarsa pratica - i clienti non li riempiono del tutto, e alla fine ci rimettiamo noi.

      Elimina
    9. Mi metti un link dove si può vedere come sono fatti?
      Sono semplici cilindri?
      Se li scuoti fanno rumore quando non sono pieni?
      Cosa ha fatto venire fuori questo post! :D

      Elimina
    10. https://www.amazon.it/Blister-plastica-monete-Holenburg-conf-100/dp/B00ABJRNXW
      sono contenitori per monete... e quando sono vuoti non risuonano di nulla... ;)

      Elimina
  6. Sarà che per tutta la vita ho sottratto e basta. Non ho aggiunto mai. Mi è sempre sembrato molto poco altruisctico, quel sommare. Troppo poco democratico.
    Ho sottratto addirittura felicità alla mia vita, ché la felicità disturba gli altri.
    Ma a sottrarre bene bisogna aver talento, altrimenti costruisci giorni anoressici.
    Anche i rami spezzati, ormai, ai miei occhi son somme. E vanno tirate, presto o tardi. Mi consola l'idea che dai tagli si generi la bellezza e la vita, in casi così.
    Ti stringo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellezza.
      E niente.
      Poco da parlare.
      Una carezza.

      Elimina
  7. Questo, lo sento, e un post dedicato.
    Chiunque sia, spero alzi la testa

    RispondiElimina
  8. Queste parole così come sono scritte, con questa delicatezza e schiettezza insieme, sono un regalo.
    Perché sono vere e sono difficili da dire.
    Spero proprio tanto che alzi la testa. Spero che tutti impariamo ad alzare la testa almeno una volta ogni tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si. Le avrei volute sentire pure io...tempo fa...

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. mille volte ho pensato che ci fosse una cosa buona che dovesse arrivare... ma ad oggi questo pensiero è lontano lontano lontano

    RispondiElimina
  12. Non è vero che serve l'intero. Altrimenti avremmo solo vassalli e non amanti. Serve sottrarre, certo, ma da entrambi i versanti. Perché gli spigoli si smussano, le curve si addolciscono, le richieste si evadono, i sogni si srotolano. Non puoi pretendere l'intero, mai. Non sarebbe neanche giusto, e forse pure noioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende da cosa s'intende per intero. Uno deve trovar modo di dirsi tutto. Questo intendevo. Che poi si negozia, si fa spazio e ci si fa spazio. Ma essendosi detti.

      Elimina
  13. io continuo a sparge 'n po' de musica.
    robba bona eh...

    me l'ha detto un uccellino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vipero che dici... glielo diamo il permesso di scrivere pure a Gioia o ci teniamo il terreno neutro a nostra disposizione? ;)

      Elimina
    2. quando vuole, è la benvenuta :D

      Elimina
    3. Caspita...come siete stati carini tutti ad intrattenere i miei ospiti mentre ero assente ❤

      Elimina
  14. nessuno che si sia degnato di elargire un applauso per la colonna sonora.
    *sigh* dura la vita di noi artisti incompresi...

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros