lunedì 22 agosto 2016

Granelli e spazi

Da qualche giorno m'è partito il conto alla rovescia. Guai se lo sanno le colleghe, è solo il ventidue di agosto.
Così ho cominciato con la programmazione, che se la fai bene sei a metà dell'opera. Solo che al solito, ho messo troppa carne al fuoco e adesso mi tocca sfrondare. Lo dicevo pure all'insegnante new entry: poco, ben fatto e senza paura. Che poi si ricalibra e sono loro a dirti cosa vogliono, a mostrarti la strada.
Ho voglia di entrare in aula, di vedere i bambini, di ascoltarli. Del contorno, non ho affatto voglia.

La fatica esiste eccome, a me facile non viene nulla. L'ho sentita tutta nelle cosce, nei polpacci, e pure nelle spalle, anche se lo zaino pesava poco e niente. Che mi pare sempre di essere proprio al limite, invece poi guardo su e vado, con una forza nuova che arriva da chissà dove. E ogni momento mi fermerei a toccare, a scattare una foto, a buttar giù un appunto. Ma più ti fermi più è difficile riprendere il cammino.
Non arrivare alla meta, sia una sella, un rifugio o una vetta, lascia l'amaro in bocca. La meta, dà poi corpo ad ogni passo, snello o rotondo, ad ogni respiro, lieve o profondo.


Quando sono arrivata su ho azzerato ogni cosa. Sull'erba ho mangiato il pane, il formaggio, mi sono raccolta per riposare. Un'australopiteca muta, affamata, più scimmia che donna.

Cercando qualcosa da leggere nella libreria rossa ho trovato la Merini. Lui ci aveva messo dentro un segnalibro, come se quella pagina avesse importanza, come a ricordare. Magari era messo a caso, non importa. Ma mi è sembrato che lo stesso, quel segno volesse dirmi qualcosa.

Spazio spazio io voglio, tanto spazio 
per dolcissima muovermi ferita; voglio spazio per cantare crescere
errare e saltare il fosso della divina sapienza. 

Ecco io questa meravigliosa poesia potrei rovesciarla. Potrei voltarla da sotto a sopra e riscriverla trovando il contrario di ogni parola. 
Sono fatta così, di cose piccole, di granelli, di passi da formica.

13 commenti:

  1. Ho voglia di entrare in aula, di vedere i bambini, di ascoltarli.
    Che brava maestra devi essere!
    Fortunati quei bambini che ti hanno come insegnante! :D

    (Mi piace proprio la frase, anche, "Mi è partito il conto alla rovescia")

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il conto alla rovescia c'ha i suoi tempi fisiologici...basta che venga un po' di frescolino e lui parte ;D

      Elimina
  2. decisamente concordo, sei una brava maesta.Qui al mare, sono circondata da insegnanti di ogni ordine e grado, e nessuna, ha minimamente voglia di ricominciare.

    RispondiElimina
  3. Scusa. A 'sto giro ho letto solo cosce e polpacci.
    Poi come quando arriva l'emicrania sfavillante, non ho più messo a fuoco altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh va bene dai...si può essere anche prosaici qualche volta!!! :)))

      Elimina
  4. Il migliore commento è sempre di vipero 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbaglio tutto. Perchè dovevo dire glutei...

      Elimina
  5. Sono davvero bellissimi i luoghi dove vivi, meraviglie naturalistiche invidiabili :)
    E sono anche fortunati i bimbi della tua classe ad avere una maestra come te, che pensa sempre a loro anche in ferie! ^^

    RispondiElimina
  6. Che profondità di pensiero! Bello. Mi piace il tuo blog. Ti seguo e spero di vederti da me.

    RispondiElimina
  7. Ma non è forse che la tua ricerca del piccolo è solo un altro modo di trovare spazi più ampi?

    Quelle parole della Merini mi risuonano dentro...

    RispondiElimina
  8. La montagna, la vita, non sono la meta, sono il cammino.
    E' bene che ce lo ricordiamo, come hai fatto. :)

    RispondiElimina
  9. Spazio e tempo (questo ora più che mai!!) sono Il Lusso.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros