mercoledì 26 novembre 2014

Per favore


Caro Babbo Natale, rieccomi.
L'ultima volta che ti scrissi avevo il 35 di piede, difficilmente al mattino mi pettinavo i capelli, detestavo i finocchi lessi e su di me incombeva la Sandra.
Ti chiesi gentilmente, ma con una certa determinazione, ti togliermela di torno. Anzi, di smaterializzarla proprio, rimettendo magari assieme i suoi pezzi dall'altra parte del globo, possibilmente in luogo molto ameno e popolato da spietati tagliatori di teste.
Ricordi bene, la odiavo. Con tutta la forza distruttiva dei miei dieci anni. 
Sandra scriveva bene, studiava molto, piaceva alla maestra, indossava stivaletti alla caviglia. Mi portò via nell'ordine: la migliore amica, il ragazzino con cui tornavo a casa da scuola mano nella mano e l'onore, inventando per me curiosi e divertenti appellattivi che ben rimavano col mio cognome. E tutti a ridere. 
Ora, Caro Babbo, dopo diverse stagioni andate e acque passate sotto i ponti, è possibile che io tremi ancora dinnanzi ad una qualsiasi Sandra di passaggio? Che nel confronto io ancora senta di perdere, di non valere abbastanza, di non essere all'altezza?
No, stavolta non mandare in orbita nessuno. Niente spargimenti di sangue nè sparizioni.
Questa volta Babbo, mettimi davanti allo specchio. Drizzami le spalle, lustrami il sorriso e mostrami che non c'è Sandra che tenga. Perchè sono capace, ho gli occhi belli, so accarezzare, fare la maestra, guidare come un maschio, sfornare una torta, scrivere storie, cantare. 
Ecco, per favore, fai che io lo sappia.

34 commenti:

  1. ma 'sta Sandra non è che te l'ha accoppata sul serio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi lo sa??? Non pratico Trieste (e la sua cronaca nera) da troppo tempo... :)))

      Elimina
  2. Risposte
    1. Difatti, quando trovo qualche Sandra-atteggiamento nei miei bimbi, a scuola, divento una belva...

      Elimina
  3. Io ho sposato una Sandra, sarà mica quella?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio! Porta l'apparecchio???? :D

      Elimina
  4. Guarda che Babbo Natale non è che può esaudire sempre gli stessi desideri.. già ti ci ha messo davanti allo specchio, e sei risultata esattamente tu.
    (Forse con le torte e i parcheggi poteva fare di meglio.. ma qualsiasi furbetta di una Sandra è lontanissima... )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Babbo Natale può TUTTO. Io lo so :)

      Elimina
    2. ..digli di riprovare coi parcheggi.. che ti distrai troppo... ;))

      Elimina
  5. eh ma è BabboNatale mica un sicario ...
    cmq secondo me gli hai scritto anche lo scorso anno c'è che è anziano e non legge i blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questa volta ho mandato proprio la lettera, a Rovaniemi...

      Elimina
  6. Con te non c'è Sandra che tenga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Marì.
      Ti bacio in fronte. ;)

      Elimina
  7. Ti do un "suggerimento" per la prossima letterina.
    Caro Babbo Natale, portami una scorta di "STI CAZZ. " ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mica male come idea. Possono sempre tornare utili. :D

      Elimina
  8. Risposte
    1. Tu mi hai visto gli occhi, per quello!!!! <3

      Elimina
  9. Eh
    Questa è una pagina di miglioramento personale (radicamente, autostima) scritta molto bene in modo allegorico.
    Nessuna Silvia del mondo può far alcunché ad un Gioia sicura, serena, forte, centrata in se stessa.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che quasi quasi ci siamo...

      Elimina
  10. E questo post lo sento un po' anche mio...io che continuamente cerco superfici riflettenti in cui conoscermi e riconoscermi forte e sorridente ma puntualmente c'e' l'ombra di qualche Sandra ad oscurare il resto. Ma come il buon Erri scrive :
    " zio mi diceva che i nemici erano scomodi, che prendevano troppa attenzione e sentimenti. Che facesse un altro la fatica di esserti nemico, di sforzarsi d’odio in corpo."

    Detto ciò condivido in pieno il commento di Mariella...con TE non c'è Sandra che tenga!!!!!!!!!!!!!! Un abbracciooooo immenso :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Pretendevano troppa attenzione e sentimenti..."
      Come sempre fulminante. E pre quanto mi riguarda, profondamente vero.

      Elimina
    2. Ah Erri... Bacio donne belle!

      Elimina
  11. Spesso è il carceriere ad avere più problemi della vittima.
    Quante Sandra piene di sé si incontrano...
    Comunque non smettere mai di ricordarti che sei meravigliosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico sempre ai miei bimbi...che il bullo, anche se pare impossibile, è in grande sofferenza...
      Bacino Daffus :)

      Elimina
  12. Gioia: lo sai e sai di saperlo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è così. Se così fosse, volerei altissimo...

      Elimina
  13. Non credo che tu abbia veramente poca stima di te stessa, è Sandra ad averne in modo eccessivo. Il mondo è pieno di Sandre/i

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi (soprattutto) a quell'età, ero di vetro...

      Elimina
  14. La risposta a tutto sta nel finale del post, e te lo dici tu stessa: hai gli occhi belli, sei forte nella tua eccezionale delicatezza, e non c'è quindi Sandra, ma nemmeno Genoveffa, Riccardina ecc... che tengano. E questo non deve dirtelo babbo natale, lo dovresti sapere e vedere tu stessa secondo me. Ma se ti serve l'aiuto di babbo va bene uguale per me, e quindi spero che esaudisca la tua richiesta ;)

    Buona settimana, Gioia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona settimana a te Maurì!! Siamo entrati nel mese dicembrino delle feste...non mi piace la sua atmosfera stucchevole, ma passeremo oltre. Mi concentro sui piaceri dell'inverno...che qui non si decide ad arrivare :)

      Elimina
  15. Non hai nulla da invidiare a questa "Sandra".
    Già il mettersi in discussione significa essere più avanti di chi non riesce nemmeno a farlo.
    Un sorriso per la nuova settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questa è una cosa che mi riconosco. L'abitudine a rivedere...forse anche troppo ;)

      Elimina
  16. La chiusura del post è fantastica... bisogna guardarsi allo specchio e raddrizzare le spalle. A me purtroppo le spalle, già curve per mia responsabilità, qualcuno le sta letteralmente spezzando... Bacio cara. Sei fantastica, devi essere orgogliosa di te stessa

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros