lunedì 3 novembre 2014

E non mi piaceva l'autunno



























Ho sempre pensato che l'autunno fosse in assoluto la stagione più fiacca e inutile.
Funghi rossi e foglie gialle da dipingere a scuola nella cornicetta. Aria di pioggia e buio presto, così presto che a sentire l'odore di minestra alle cinque mi saliva lo struggimento.
Invece ieri ho preso così tanto sole in faccia, da non credere che è proprio novembre.
Ho lasciato che l'orizzonte mi rubasse gli occhi. E una volta a casa mi sono cimentata col vin brulè: profumo di chiodi di garofano e cannella.
Mi è sembrato così che il lunedì, quella porta aperta sui miei giorni da attraversare senza bussola, potesse schiudersi con più dolcezza.

27 commenti:

  1. L'autunno è strano

    Può essere bello o una fetecchia

    RispondiElimina
  2. Zio cotica, che meraviglia!
    Col passare del tempo sono sempre più convinto che se sei in un posto di natura bella, ogni stagione ha fascino e bellezza stupefacenti.
    Basta avere gli occhi e i sensi per accorgersene.
    E' una grande Gioia poi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero...natura bella. Quello voglio, a quello miro negli anni a venire...

      Elimina
  3. Ogni stagione ha i suoi frutti. Quelli autunnali sono più piccoli, ma spesso più gustosi.
    Continuo a ripetermelo, trovandomi nell'autunno della mia esistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente questo ha un senso...io sono nata a fine estate.

      Elimina
  4. Ieri è stata, climaticamente, una domenica d'autunno davvero splendida, calda e accogliente la definirei, con un bel cielo senza nubi e il sole che, come hai detto tu, davvero scaldava. E poi insomma, viverla in un posto bello come quello della foto... penso sia stata un'ottima idea. Un panorama, un luogo, rigeneranti solo a guardarli in foto, figuriamoci a star lì :)

    Buona settimana! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E spero tu fossi in compagnia dell'amortuo, in questa domenica di sole... ;)

      Elimina
  5. Non ci posso far nulla, continua ad esser la mia stagione preferita. Colori, odori, sapori (temperature.... dalle mie parti). L'autunno a me fa l'effetto che la primavera fa a tante persone.
    L'autunno mi sveglia dal torpore afoso dell'estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, l'estate piena no, perlomeno non alle nostre latitudini. Vorrei i profumi caldi del mare e della pineta a temperature primaverili. Una roba semplice, insomma. :)

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Io invece, amo l'autunno. Quando capita che poi, sia come quest'anno.
    Peccato che a Milano da oggi, è finito.
    Ma tu in quale fiaba Grimm vivi?
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui Mari...stasera pioggia e vento e nubi dense.
      Uffa.
      Abbraccio a te..

      Elimina
  8. "...fra i molti modi di combattere il nulla, uno dei migliori è di scattare fotografie, attività che dovrebbe essere insegnata precocemente ai fanciulli, perché richiede disciplina, educazione estetica, buon occhio e dita sicure". Gioia, Gioia se ti capita di vedere "Il sale della terra", ti ricordi poi di dirci cosa ne pensi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la recensione...molto bello. Lo vedrò!
      Grazie :)

      Elimina
  9. Posso solo adorare un novembre da maglietta a maniche corte (anche se mi guardavano strano ieri..), ma so che ad affascinarmi è solo questa estensione settembrina che tarda a prosciugarsi via. Per il resto mi godo tramonti contorti ed albe faticose. Esorcizzo l'inverno cristallizzando i cieli tersi, faccio finta che il buio sia un gioco breve, che il freddo della sera sia il lasciapassare del piumone (che adoro, ma un po' meno di Settembre..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché tramonti contorti ed albe faticose?

      Elimina
  10. Quando entri nella Natura, ti accorgi che tutte le stagioni sono meravigliose e hanno qualcosa da darci e a cui noi possiamo attingere a piene mani. Dicono che in autunno tutto muore... quando mai?!? ci sono i mirtilli, i cachi, i melograni,... tanti colori caldi.
    Vivere tutte le stagioni: una strategia che vale anche per la nostra vita. Il disagio nasce quando non rispettiamo questi ritmi.

    PS: ma quanti kg lo zaino? da ex-pellegrina sono curiosa di quel che porti sulle spalle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre saggia e piena di senso.
      In realtà non pesa tanto...una merenda, un cambio, un piumino leggero e...la spazzola per i capelli :)))))

      Elimina
  11. L'estate è finita



    Sono più miti le mattine

    e più scure diventano le noci

    e le bacche hanno un viso più rotondo.

    La rosa non è più nella città.

    L'acero indossa una sciarpa più gaia.

    La campagna una gonna scarlatta,

    Ed anch'io, per non essere antiquata,

    mi metterò un gioiello.

    (E. Dickinson)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La conosco! Trascritta febbrilmente da adolescente in qualche diario... Grazie :)

      Elimina
  12. Dio mi scampi dall'autunno: non fa per me.
    No.
    Spiaggia e sole, ovvero malga estiva e una vacca in mezzo al prato che suona come un sassofono stonato.
    Penso fosse Rodari il papà di queste ultime.
    Non so, memoria debole in sto periodo dell'anno.
    Bacio Anima Bella :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio Rodari il babbo. Brava alunna. :)
      Abbraccio a te, dolce sorriso

      Elimina
  13. ...e il Carso che diventa rosso fuoco... Dio quanto le piaceva...
    Apprezzo l'autunno ma lo preferisco con la nebbia.
    Qui non ce n'è tanta ma ci tornerò prima o poi.
    Il sole è tuo.
    Bacio! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti lascio volentieri la nebbia... 50 e 50. Mi prendo il sole allora.
      :)))))
      Bacione a te!

      Elimina
  14. Maestra, mi manchi un sacco.
    Qui a Roma solo bombe d'acqua, l'autunno ha deciso di non passare proprio.
    Un bacio, forte.

    Astro

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros