mercoledì 23 luglio 2014

Selve selvagge

È tutta colpa sua, della Diamanta, se in un placido mercoledì, nel bel mezzo della mia settimana di ferie nel blu, cado a pesce nelle memorie.
E mentre provo a sbirciare (accidenti, ormai è troppo tardi per dare solo un occhio, la porta si è spalancata, e sbatte) l'inconscio, che non si fa mai i cazzi suoi, porta a galla parole a casaccio.
Esta, aspra, forte.
Cerco di metterele assieme. Non c'è un senso.
Così,  visto che anche nella sottoscritta di sensato c'è ben poco, digito su Google.
Esta, aspra, forte.
Eccolo là. Come avevo fatto a non pensarici prima.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura!

Inferno, canto primo.
E mi chiedo se è possibile, che gli stessi pinguini ammaestrati, lo stesso vento, gli stessi austeri palazzi, lo stesso dialetto, abbiano lasciato su di noi (me e la Diamanta bella), segni così profondi e così profondamente diversi.
Io, che nego e oscuro quell'infanzia, mi sono commossa.
Nervo scoperto, direbbe la mia amica J.
Appena rinfresca, ci torno. Vediamo l'effetto che fa.

                                  Comunque, sono qui:

 

10 commenti:

  1. Bellooooo!!!!!
    Amica i nervi scoperti li abbiamo tutti, quello che conta e' corazzarsi e coprirli ...
    Il prossimo anno porti anche me in vacanza!!!
    J.

    RispondiElimina
  2. la citazione si abbina bene pure con la foto :0)

    RispondiElimina
  3. Ammazza! (Al posto dico).
    Niente da fare ogni tanto un pezzettino torna su...

    RispondiElimina
  4. Goditi il meritato riposo! :)

    RispondiElimina
  5. Mica cerchiamo il cammino facile no?
    Importante che sia il nostro, voluto.
    E non di ripiego.
    E non di paura.
    Ce la si fa ;-)

    RispondiElimina
  6. Io sono onorata di esser citata nel tuo post, è un grande regalo aver suscitato in te emozioni anche se forse ti hanno portato in ricordi un pò oscuri.

    Stessa città emozioni diverse forse, ma io sento che la differenza non è stata la città che ama i suoi figli, ma alcune "anime" che hanno modificato le nostre singole percezioni.
    Io ho avuto la fortuna di avere due anime, i miei zii, in quei 4 anni che mi hanno amata e protetta, come mai più in vita mia.
    Devo a loro l'amore che porto per Trieste.

    E ti faccio io una proposta, appena rinfresca, vediamo insieme, l'effetto che fa? :)

    RispondiElimina
  7. Direi che sei in un gran bel posto :) E con un gran bel cuore dentro, ma quello lo sapevamo già ;)

    Buona giornata Gioia :)

    RispondiElimina
  8. Amo la costa alta e rocciosa. E quando è uno sposalizio di piccoli campi e di bosco è ancora più bella.
    Goditi quell'incanto!

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros