venerdì 17 novembre 2017

Luoghi che accarezzano

E' che son sempre di corsa. Che la provinciale alle 7.30 è satura di camion in arrivo dall'Austria, in transito verso la Slovenia. E viceversa. 
Che il mio parasole è rotto e viaggio inondata di luce.
Abbasso il finestrino, accendo la radio, magari mi sveglio un poco. Vorrei One Nation One Station, ma qui non si piglia. Radio Maria passa il rosario, Radio Italia i Modà (ma quanto odio i Modà?) e Radio Onde Furlane un rap dall'idioma locale.

Ayo, fradi duna setu?
i ai sintut che tu mi as cirut vue
torna clamimi che jo soi gia di fur
no sta a fa il vecjo che no tu ses tu chel!


Ed eccola lì, l'infausta auto (tristemente guidata da una donna) incollata al culo del camion. Che in quel bailamme di curve e frotte di veicoli nel senso opposto sorpassare un blocco di dieci metri è un atto suicida. Allora impreco molto e mi sale il crimine. Perchè mai qualcuno dovrebbe scegliere di starsene dietro lo scarico di un camion a respirare merda, mentre una ad una le auto si accumulano nella sua dolente scia?
Non c'è dato di saperlo.
Butto un paio di volte il muso fuori, nervosamente, ma il traffico é denso. Finalmente il mio bivio, son quasi arrivata.
Mi basta svoltare, imboccare il viale alberato e costeggiare la fila di tigli gialli. La casetta rossa in fondo alla strada mi cambia gli occhi e il verso dei pensieri. Buona giornta maestra.

La scuola d'inverno

    

24 commenti:

  1. A parte il fatto che sia venerdì 17, quindi siamo in regime di "non fate l'onda!".
    Ma dico io, per quale cacchio di motivo ogni volta devi andare ovunque, con un po' di fretta, perché!? Mi domando e dico: perché c'è sempre un cacchio di camion o di autobus davanti????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ci siamo capiti.
      Vedo che non sono l'unica.

      Elimina
  2. Bello questo tuo viaggiare di macchina e di pensiero, signora maestra: è molto rock!

    RispondiElimina
  3. Allora impreco molto e mi sale il crimine.
    questa te la rubo :P

    RispondiElimina
  4. Voglio un viale di tigli come il tuo che mi porti a scuola, ma anche un po' dove gli pare.

    RispondiElimina
  5. C'è un banco libero nella scuola dove insegni?
    Vorrei tornare bambino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto a tavola se vuoi... ;D
      Non abbiamo banchi.

      Elimina
  6. Quindi mi stai dicendo che in Friuli c'è traffico? L'anno scorso, più o meno di questi tempi, ero a Spilimbergo. Più o meno verso le 10 del mattino. Mi impressiono' il fatto che non c'era nessuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Spilimbergo è dalla parte opposta, provincia di Pordenone. Dove sta Gioia c'è il confine per l'Austria a due passi...

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Eh no. Diciamo in direzione Tarvisio...

      Elimina
  7. Starsene dietro lo scarico è terribile, soprattutto respirarlo di prima mattina.
    Splendide le foto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa mi dici del primo piano del sederino del tir?
      Grrrrr.

      Elimina
  8. ...io però una mezz'oretta di raccordo anulare te la farei fare alle 7,30 di mattina.. potresti osservare il bailamme - certo non di curve - perché staresti in un punto all'inizio di quella mezz'ora magica, e sempre in quel punto, al termine della medesima mezz'ora. Vipero potrebbe raccontarti cose che voi umani di frontiera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeeeh...ma voi ci siete nati in quel macello!!!!

      Elimina
  9. Prima delle otto e mezza non m'alzo
    e se trovo un coglionazzo che sta dietro un camion e non lo sorpassa m'inquieto (si fa per dire).
    Ciao.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros