mercoledì 4 maggio 2016

Nembi


E' che l'amore è phatos.
E' che quella canzone, ancora mi commuove.
E' che quando Fossati dice:

Stancami e parlami
abbracciami
guarda dietro le mie spalle
poi racconta e spiegami
tutto questo tempo nuovo
che arriva con te

io vedo, e sento cose. Un letto sfatto, un abito fresco, una cicca fumata spalle contro un muro caldo. Vedo il mare, piedi bianchi incerti e sassi rotondi, sento il sole che entra dalla finestra aperta e sveglia baci, gole. Vedo un cortile illuminato da una sola candela, le crocchette del pizzicagnolo, e ore così lunghe e così brevi che non c'è misura. 

Volami addosso se questo è un valzer
volami addosso qualunque cosa sia
abbraccia la mia giacca sotto il glicine
e fammi correre
inciampa piuttosto che tacere
e domanda piuttosto che aspettare

Ho sentito dire che l'amore non va farcito. Non va inzuppato, non va guarnito. Che il phatos, è tutta fantasia. Che tocca esser realistici, guardare allo stato delle cose, sovrapporre in qualche modo i propri e gli altrui limiti. Pare sia già fortuna.
Invece più ci penso, più credo di ambire al giusto, al giusto per me, per la mia pasta. E io sono fatta un po' di nuvole, di inconsistenze, di immersioni in apnea.
E' da me dire coi colori e mettere parole fresche ai gesti ordinari, perchè da nuvola, io non so veder solo terra.

22 commenti:

  1. "E io sono fatta un po' di nuvole, di inconsistenze, di immersioni in apnea." Meraviglioso...ho riletto tre volte e ogni volta, emozioni.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! 😊
      Ma leggendoti, ho come l'impressione che anche tu voli parecchio...

      Elimina
  2. Allora.
    Questa è roba che sale dal basso (le nuvole sono così: roba che è salita -vabbè poi riscende ma non è questo il caso-).
    Roba dal basso, di panza prima che di cuore.
    Di cuore prima che di testa.
    Sale e mentre sale s' appiglia, graffia, contorce e morde.
    Tu scrivi di 'sta roba, la musica che gira attorno (il buon Ivano vorrà perdonarci) non può essere altrimenti

    Perciò infila le cuffie, e non rompere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É proprio la tua musica Viperé!!! Ma bella 'sta volta, mi piace...
      Dal basso. Sai che é in fondo vero? Grazie.

      Elimina
    2. 'Sta volta? Tze' :P

      Elimina
  3. E' bello sapere che ci sono persone per cui l'amore e' quello che dici. :)

    Che poi, lo vedi lo splendido aeroplano cicciotto che e' la nuvola? Proprio un aeroplano, o un uccello con le ali spiegate in volo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono eccome!!!
      Di persone intendo. E tu apri bene gli occhi...che ti meriti tutto, non solo briciole. Bacino

      Elimina
  4. ma guarda, a quasi 50 anni, se si parla di amore, non so quale sia la teoria corretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti non esiste. Questo sostenevo. A 20, 30, 40 o 50 esiste quello che é giusto per te...e basta. Nessuna teoria.

      Elimina
    2. ma anche quello non lo so :-)

      Elimina
  5. neanche qualche teorema? tipo quello di Ferrandini nella canzone ?

    RispondiElimina
  6. Ah bella nuvoletta che sei a metà tra il cielo e la terra

    Bacio bimba

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Nuvola, aria...sempre inconsistenze sono Enzo ;)

      Elimina
  8. Quelli che guardano solo la terra sono poveri tanto quanto quelli che guardano solo il cielo.
    Se guardi solo la terra perdi i sogni, la fantasia, l'immaginazione, l'immaginario e via discorrendo.
    Se guardi solo il cielo è perché sei o vuoi essere indifferente alla terra e alle radici.
    Le nuvole sono in cielo, sì, ma da lassù guardano la terra...
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari hai solo paura, della terra...

      Elimina
  9. Beh, allora ci si dovrebbe lavorare sopra a quella paura, per oltrepassarla

    RispondiElimina
  10. E comunque quella canzone di Fossati è indicibilmente bella.

    RispondiElimina
  11. Dalle nuvole alte nel cielo alle immersioni giù in fondo al mare... che bello :)

    RispondiElimina
  12. E niente: passare per di qui è sempre un momento di ristorante poesia. Quella delle cose semplici e vere.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros