giovedì 10 novembre 2016

Era meglio se avevo i baffi


Non ho mai tollerato quei genitori che in colloquio, tutti sorridenti, si rivolgono ad una delle insegnanti dicendo candidamente: "sei la sua preferita".
Ora, parliamone. A che pro lo dici? Per ingraziarti una maestra e pestare i piedi alle altre cinque? Perchè tu sei "sincero" e per scelta ideologica non ometti mai nulla? Perchè pensi che il tuo bambino abbia diritto ad esprimere (e ti fai portavoce) tutto ciò che sente, prova, desidera, vuole? Forse auspichi un allineamento verso il tuo bello e il tuo buono: sia mai che le altre insegnanti turbate da cotanto diniego, non decidano di emulare la prescelta, rendendo così più lieve e rosea la vita della creatura.
Quale sia il tuo intento, caro genitore incauto, non c'è dato di saperlo. 
L'ultima in ordine cronologico mi è stata riferita l'altro giorno. Pare che una mamma abbia palesato alle colleghe la predilezione di sua figlia per me trovandone ragione nel mio essere sensuale. Ha detto veramente così: sensuale
"Credo abbia scelto Gioia perchè è sensuale, femminile e un po' scollata".
Bionda, tettona e un filo svampita. Ma tanto piacente.
Credetemi, l'ha detto davvero. 

15 commenti:

  1. ma sai che sei la mia preferita? :P

    RispondiElimina
  2. "Credo abbia scelto Gioia perchè è sensuale, femminile e un po' scollata".

    Fammi capire: l'ha detto di fronte a te e alle tue colleghe? Ma sono robe che non si dovrebbero dire ad un colloquio...
    Io non mi permetterei mai di dire una cosa simile all'insegnante dei miei figli. Sono robe che si dicono ad un'amica, in confidenza...

    Comunque, i bambini guardano eccome la bellezza nelle loro maestre. Mio figlio, allora poco più che cinquenne, al colloquio attitudinale (pro-forma... va beh, velo pietoso) per stabilire se fosse adatto o meno alla scuola in cui va adesso, alla fine, alla domanda se gli fossero piaciute le maestre, mi ha detto "Sì, mi piaceva tanto la maestra turca" e poi, ha specificato "Mi piaceva IL VISO!" (effettivamente, era una maestra non solo gentile e a modo, ma molto molto carina).

    Buon per te che sei una maestra anche bella! Non era meglio avere i baffi, credimi... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non c'ero. Ma in presenza di tutte le colleghe...

      Elimina
  3. Dove ci si iscrive?
    Scherzi a parte, vorrei averli io questi problemi, Dio bono.

    Per inciso, visto che parliamo di maestre:
    "era meglio se avevo i baffi" -->> "sarebbe stato meglio se avessi avuto i baffi".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si...era come "io speriamo che me la cavo"...
      Era voluta Loré!
      Svampita ok...ma non a tal punto.

      Elimina
    2. Di questi tempi non si sa mai.
      I modelli attuali sono tutti modelli negativi.

      Elimina
  4. Tettona baffuta sempre piaciuta.

    (ci ho provato a scrivere qualcosa di sensato. Giuro che avrò scritto e cancellato per 15 minuti buoni. Ma per quanto seria sia la cosa, per quanto sia solidale... S'è attivata la visione selettiva.
    Se scrivi tettona, tutto quello che sta intorno alla parola stessa diventa un insieme di pixel confusi.
    Mi vergogno anche un po' , ma cosi come per lo scorpione, la mia natura è quella che è)

    RispondiElimina
  5. Gioia, ma come? anziché essere contenta di piacere ad alunni, papà e mamme, ti lamenti? io poi al "tettona" stavo già organizzandomi per andare a Spilimbergo!

    ps: non odio la montagna, ma come Rocco Schiavone detesto la neve.

    RispondiElimina
  6. Poi va bene tutto. Sensuale, femminile, scollata, bionda.
    Ma svampita?

    A Marilyn, che ce stai a nasconne qualcosa? :D

    RispondiElimina
  7. Perchè le maestre/professoresse si valutano in qualche altro modo? :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaaha
      scusa gioia non ho resistito al commento di boh e vipero!
      tornando in me : certo che la Montessori se fosse viva, gli verrebbe la cirrosi epatica :)

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Gioia, i baffi comunque sono belli, a volte. Mai come le tette però. E pure io me ne intendo di tette.
    ahahah
    Bacio.

    RispondiElimina
  10. Un'amica insegnante poco tempo fa mi disse che oggi come oggi il problema sono... i genitori.

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros