venerdì 13 novembre 2015

Vi auguro


Un giorno me ne andrò. Vorrei tu fossi l'ultima cosa terrena che la mia mano cercherà.

Figli, vi auguro di amare. Anzi, di Amare.
Non è detto che vi capiti nella vita, di Amare. Si può voler bene, molto bene, e anche amare. Ma soltanto Amare apre la nostra trama, la scuce e la ricuce, tessendo nuovi fili. E non parlo di negare se stessi per amore, o perdersi. Solo di lasciarsi trafiggere. Dalla dolcezza, dal languore, dalla gioia, dal tormento. Senza riserve.
Non importa se chi Amerete vi corrisponderà con eguale intensità o abbandono o stupore. E' l'atto di Amare che spalanca ed espande, che rende permeabili. Che trasforma.
Lo so bene, è opinabile. Vi diranno che niente e nessuno merita tanto. Che a niente e nessuno dovreste offrire il ventre, la gola, le mani aperte. Eppure io penso che non ci sia Amore senza resa. Che le riserve, le uscite di emergenza, i paracaduti, siano pallide espressioni dell'amore che la paura impone. 
Poi, se arriva il momento di scendere, voi scendete. Mettete in valigia tutto l'Amore che siete e i gli occhi nudi e le mani aperte. Perchè è roba vostra, vi resta dentro, e addosso, nessuno ve la può strappare via.
Dimenticavo un'ultima raccomandazione. Tocca che vi Amiate, ma da morire, per Amare.

18 commenti:

  1. Amare ... farsi amare, anzi farsi Amare, ci vuole sapienza per entrambe le cose ... e poi l'amore non va mai perso, perchè quando ami ci credi, e va bene così, anche quando finisce ... che post spesso teacher anzi Teacher

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, hai detto esattamente quello che intendevo. L'Amore non va mai perso...

      Elimina
  2. Fare i biscotti è un modo di Amare ;0)

    RispondiElimina
  3. Io più che altro gli augurerei, e gli augurerò, di riconoscerlo, st'Amore, che a me pareva fosse così tutte le volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tu lo capisca da solo, quando arriva... In effetti però, prima puoi toppare infinite volte :)

      Elimina
  4. Ecco, forse un tempo ho quasi Amato.
    Ora non so, credo di amare e voler bene, ma Amare no.
    Sono diventata cosi', e non so se un giorno potro'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono i bambini adesso. Va tutto a loro.
      Vedrai :)

      Elimina
  5. si si, assolutamente opinabile ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto...sapevo che saresti stato il primo ad opinare :D

      Elimina
  6. È così. Amare è così. È esporsi consapevolmente e rendersi fragili senza perdere la propria forza ed anzi con questo moltiplicandola.
    Che bell'augurio Gioia!
    Solo permettimi un appunto saggio che mi fece il marito anni fa e che custodisco: Ama da vivere, non da morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' saggio il marito.
      Ma ragazza, tu ora dove scrivi?

      Elimina
    2. Principalmente nella mia testa :)
      E commento un po' qui e un po' lì.

      Elimina
  7. Amore sai quanto te vojo bene ma i "paracuduti" no te prego... m'hai spoetizzato tutto in un amen...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un primo momento ho pensato ad un mio refuso.
      Vuoi vedere che ho scritto "paracuduti"???
      Invece è la questione del plurale, accipicchia!!!
      Non correggo, per correttezza :))))

      Elimina
  8. L'ultima cosa che hai scritto è la prima indispensabile.

    Bacio bimba

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros