domenica 14 dicembre 2014

Partenze, arrivi


La vita pulsa, intorno.
Fuori. Nei cieli, nei mari, in Terra, nella porzione di terra che quel treno taglia con precisione di bisturi.
Dentro. In una casa, in ogni sua stanza, nella stalla aperta, nelle mani leste che mungono, nel fiato caldo d'erba e nel ronzare di mosche verdi. Nella testa scura di un uomo chino che si solleva e guarda il treno passare. E vorrebbe andare. Sul convoglio, nel vagone, sui sedili, nei piedi ciondolanti dalle scarpe slacciate, resto di corse sudate.
La vita pulsa così forte da restarne assordati. O accecati. Questo pensa lei, seduta compostamente in seconda classe, mentre ogni cosa scorre. Guarda l'orologio, raccoglie il paltò e si dispone a scendere. Alla prossima stazione, binario quattro, c'è la vita, ad attenderla.

22 commenti:

  1. il treno è un acceleratore di pensieri, si sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace il treno. Scrivere in treno, leggere in treno.
      Lo prendo pochissimo, conserva per me tutto un fascino...

      Elimina
  2. Il "paltò". Roba d'altri tempi. Di treni in orario e gente seduta "composta".
    Ma tutti abbiamo un "binario quattro" ad attenderci. Tutto sta a trovarlo. Il mio sta rifacendo il letto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, volevo un'aria retrò per questa viaggiatrice :))

      Elimina
  3. Dopo il predellino si apre un'altra dimensione. Se non c'è nessun marmocchio urlante nei paraggi, s'intende...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. Nonostante le infinite ore passate con marmocchi urlanti, ne subisco ancora il fascino... ;)

      Elimina
  4. Io amo i treni e quindi... questa pagina è musica per le mie orecchie.
    Amo pure i sensi della vita rurale, le stalle, l'incredibile potenza vitale, fascino, del lavoro contadino.
    Insomma, una pagina emotivamente evocativa, che apre, porta al bambino interiore.
    Grazie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia bambina interiore ringrazia :)))

      Elimina
  5. tu hai letto il treno ha fischiato di Pirandello mi sa :O)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece no, Pier che non sei altro...

      Elimina
  6. Eh, ne so più di qualcosa di treni che vanno e vengono, e di vita che ti aspetta alle stazioni... bellissimo :)

    Buona settimana a te, Gioia, e alla viaggiatrice del treno... che magari è la stessa vi conoscete pure.... e bene .. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so che tu sai. Che io so. :))
      Buon Natale viaggiatore. Vedrai che troverete un luogo. E poi sognerete di andare ancora, insieme.
      Baci

      Elimina
  7. SE volevi dirci del pulsare della vita tutt'attorno e del fascino del viaggio ci sei perfettamente riuscita, come sempre del resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enzo. Adesso vado a vedere da dove viene questo Nihil :)

      Elimina
  8. Sperando di vederti tra le mie pagine, ti lascio l'augurio per un sereno Natale e per un meraviglioso nuovo inizio.
    ^___^

    RispondiElimina
  9. il viaggio in treno ha un fascino tutto suo

    RispondiElimina
  10. Le stazioni ed i treni. Basi della mia vita. Ogni volta che ritornano tutto e'
    come dovrebbe essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo scriverci su qualcosa. Su come i figli dei ferrovieri si portano questa voglia di percorrere strade nuove...

      Elimina
  11. i viaggi con il treno per me son quei viaggi in cui mentre attendo di arrivare uso il tempo per fare cose che mi piacciono, leggere, osservare fuori dal finestrino, ascoltare... a voltemi piacciono talmente tanto che non mi importa chi aspetta al binario 4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se ci sono io???? :)
      Prossima volta che vieni, treno.

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros