lunedì 17 luglio 2017

Ricetta


Gli esseri umani contengono svariati ingredienti, miscelati in proporzioni dissimili. 
Allegria, opportunismo, animosità e nostalgia q.b., ad esempio.
O pignoleria, dolcezza, determinazione e un pelo di presunzione. E via così.
A volte sono gli altri, con il loro farci da specchio a mostrarci di cosa siam fatti. Altre volte, immersi nelle contingenze, nel fare e nel dire, ne cogliamo da soli peso e misura.
Capita così che in questa fase della mia vita io faccia i conti con gli ingredienti base, quelli che rendono una donna con due braccia e due gambe, una Gioia fatta e finita. 
Ad analizzarle bene, le due sostanze sembrano incompatibili quanto il limone e la panna montata.
Se però prendiamo come esempio la pizza, in cui acqua e farina la fanno da padrone, possiamo osservare che i due ingredienti principali rappresentano in realtà degli opposti: secco, polveroso e inerte il primo, liquido, argentino e vivo, il secondo.

Ingredienti per fare una Gioia:
Ingrediente A: Slancio verso l'altro.
E' l'ingrediente che fa di me un animale gregario, mai sazio di carezze e parole, capace di occuparsi nello stesso momento di un cuore infranto (al telefono), di un piatto su richiesta (ai fornelli), di un problema matematico (col labiale) e del campanello che trilla (sorvolando cani e oggetti sparsi). 
Si incarna nell'attitudine a mettere da parte stanchezze ataviche e necessità impellenti dinnanzi a agli affetti, alla loro presenza, al bel dare. Si concretizza nel piacere viscerale di avvolgersi in quella trama densa e rassicurante che solo le corrispondenze amorose riescono a tessere.

Ingrediente B: Anelito alla tana.
Scoperto in fase recente - ma non per questo degno di minore rilevanza - si palesa in modo fulmineo e decretando una certa urgenza: la risposta dev'essere immediata e concreta.
Nel momento in cui B domina su A (abbastanza raramente, va detto), Sweet Joy deve far largo ad una sua riottosa e agguerrita copia.
Necessito in quei momenti di spazi e tempi assolutamente miei e desidero eseguire azioni per nulla consone alla vita comunitaria e vagamente triviali, tipo:
- aggirarmi seminuda per casa
- mangiare roba fredda in piedi davanti al frigo
- seminare la biancheria dove capita
- piazzare un pezzo dei Black Eyed Peas fino a far vibrare i bicchieri
- guardare per l'ennesima volta Ghost con un calice di Prosecco a destra ed il pacchetto di Kleenex a sinistra
- nutrirmi di cose tossiche
- svegliarmi alla 10, pranzare alle 11, fare merenda alle 17, cenare alle 22, fumare due sigarette alle 24 guardando le stelle e leggere/scrivere finchè la testa non crolla (orari assolutamente aleatori e passibili di modifiche).

In verità A tende a giocare sporco, in quanto ad un tratto (spesso al punto "nutrirmi di cose tossiche") manda avavti i sensi di colpa, suoi fidi emissari.
B in quel frangente può solo constatare la disfatta e ritirarsi in buon ordine, lasciando il campo ad A e alla sua fitta rete di gesti, parole e appaganti interdipendenze.
Questa salvifica dinamica, porta nel mio ecosistema una certa armonia, bilanciando le istanze e i vettori.
Ecco, l'importante è non prendere sotto gamba B, perchè a lui basta poco, ma se gli girano non ce n'è per nessuno.

14 commenti:

  1. La Lalla, quella del terzo che si lamenta di tutti davanti a tutti direbbe senza indugio: TU (vista la sua età si permette di dare del tu a chiunque) hai una personalità bipolare, se non impari a conviverci ne vedremo delle belle.
    (disse uguale uguale a quella del sesto che se ne risentì assai - però ci prese).

    In tutto questo consiglierei una bella parete in azzurro con velatura in blu di Prussia, possibilmente nella camera da letto, magari dietro la spalliera dello stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...puoi dire alla Lalla che B la manda a "farsi un giro"? Mentre A le sorride.
      P.s. Sapevo che l'azzurro era una buona idea! 😉

      Elimina
  2. Puoi elencare anche qualche difetto?
    Perché, altrimenti, saresti la donna perfetta.
    È notorio che la donna perfetta o non è di questa galassia (o di questo flusso della realtà. Come preferisci), oppure è Druuna.

    Su, nun me fa pija' un coccolone, dicce... Russi? Fai le puzzette? Dita nel naso? Ululi alla luna e diventi pelosa? Intasi lo scarico della doccia coi capelli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho troppo riso...
      Ma ti pare un pregio cenare alle 22 un po' di pane e formaggio?

      Elimina
  3. Risposte
    1. É un po' estroso B...fa di testa sua. Ma se te la senti di rischiare (tende ad essere poco socievole), io ti avviso quando si palesa...

      Elimina
    2. soprattutto la parte seminuda

      Elimina
  4. Io non le trovo affatto incompatibili A e B, tant'è che se la spassano con.. Gioia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse le preferirei un po' più miscelate...meno categoriche...

      Elimina
  5. sul tuo A, non ho mai dubitato
    sul tuo B, s'intuiva
    eppure m'ha incantato il tuo C, palesato nello sbrilluccichio dei tuoi occhi: il connubio di A e B.

    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo?.... Ah, ok.
      Scusa, avevo frainteso.

      Elimina
    2. Ma quanto mi garba che tu l'abbia visto, bella mora...del resto, cosa ti sfugge?

      Viperello, si parlava di ingredienti. Avevi inteso eccome :D

      Elimina
    3. Ma buttamola in caciara ;)

      Elimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros