mercoledì 20 maggio 2015

Sorprese


Chiedimi come parlo di te, quando non ci sei
quando senza pensarci nemmeno dico : "solo lei"
Giura che non vorresti vedere mai
il nostro amore dato in pasto all’abitudine
Chissà, se poi ti basto per davvero 
e senza una risposta scappi via
ed io, rimango fermo ad ascoltare
qualcosa che non so spiegarmi, è come
se avessi vissuto soltanto per te
se avessi vissuto soltanto per
chiederti come vanno le cose
se hai trovato parcheggio
se ti trattano bene, dentro a queste ore

Domenica una volpe ci ha attraversato la strada. Asciutta, veloce, spinta da un qualche istinto. Cacciava, proteggeva, o fuggiva, ma guardava dritto avanti. Da mesi, da quando l'avevo sognata, da quando aveva lasciato i suoi passi sulla neve intonsa e bianca, desideravo incontrarla. Chissà cos'ha voluto dirmi.

Così, sempre in tema di sorprese. Ieri, con la forza dirompente delle cose forti e dolorose, è entrato nel salotto verde un dvd acquistato alla Feltrinelli di Bologna: Alabama Monroe. Struggenti melodie bluegrass (non sapevo neppure cosa fosse) e tuffi in apnea nel tempo dell'amore.
Asciugandomi gli occhi mi dicevo che le cose tanto belle, e insieme tanto sacre, non ce le passano mai gratis.

22 commenti:

  1. ma lo sai che io penso di non aver mai visto una volpe in vita mia ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io un volpino. Vale lo stesso?

      Elimina
    2. no

      F. non loggato

      Elimina
    3. E mi pare, Fra, che non senti questo vuoto interiore, pur non avendola mai vista :D

      Elimina
    4. No Pippa, ti diamo solo mezzo punto

      Elimina
    5. no no, per niente credimi ! :-))))

      Elimina
  2. L'amore e' una cosa preziosa e di valore e come tutte le cose importanti non te la possono passare gratis. No no!

    RispondiElimina
  3. Le cose preziose e importanti devono vivere di gratuità.
    L'amore che commuove non può avere un prezzo.
    L'amore deve spendersi per rigenerarsi.
    Quando l'amore ha un costo diventa rancore e rimorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore che commuove. Proprio quello.

      Elimina
  4. Leggo che in realtà il film s' intitolerebbe the broken circle breakdown, e sarebbe il vincitore morale dell'oscar, al posto della grande bellezza.
    Non credo riuscirei a vederlo, sapendo ora di cosa tratta.

    Niente è gratis, almeno io pago sempre parecchio salato ogni attimo di felicità, tanto da voler quasi smettere di cercarla.
    Quasi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno smette mai, in realtà.. è più forte di noi...

      Elimina
    2. eggià, proprio così ;)

      Elimina
    3. Ci ho pensato a lungo in questi giorni. Forse siamo noi a leggere i momenti scuri o difficili della nostra vita come lo scotto da pagare per aver goduto e gioito. Forse viene dal retaggio di una cultura cattolica, che non contempla il piacere gratuito (a meno che non si leghi al dolore).
      Non lo so. So che per me amare pienamente è un rischio, un salto, un dono totale. Elise nel film dice "non puoi affezionarti a niente, la vita ti strapperà via tutto". Fa paura. Ma se ne vale la pena?

      Elimina
    4. Ne vale sempre la pena. Vale il rimorso. Mai il rimpianto..

      Elimina
  5. Adesso lo vado a cerca e poi lo vedo
    ma se èun rosolio m'incazzo con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosolio :)
      Vedrai quanto è bello.

      Elimina
  6. Ti consiglio Norman Blake, per il bluegrass, e pellicole meno acchiappose.. Third person ad esempio.. che il verde gli dona pure..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, trama molto interessante. Lo proverò sicuramente.
      Anche se i film "acchiapposi" mi portano proprio via ;)))

      Elimina
  7. che devi abbandonare chrome per firefox!!

    uhm, avevo concezione che fossero, le cose brutte, quelle che più si pagano care sulla pelle: vabbè, amen :)

    RispondiElimina
  8. Finché ti morde il lupo pazienza. È quando ti morde la pecora che te ce rode davvero.

    Vipero

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros