martedì 20 febbraio 2018

Pesci


Mi stavo appisolando sul divano. Sospesa fra il sonno e la veglia credo di avere immaginato, più che sognato. Ero un pesce d'acqua dolce, un pescione immobile, grosso e brillante trasportato dalla corrente.
Per una come me, tutta un guizzare e nuotare e calarsi giù, è una cosa bella questo nuovo lasciarsi andare. Cazzo Gioia, mica puoi sempre agitare le acque, no?  Qualche volta dovrai pur mollare la presa e guardare le cose scorrere!
Appena ho avvertito quell'inerzia, che mi è parsa ignavia, il cuore mi è partito a mille. Con un repentino colpo di coda ho voltato il mio pescione in direzione opposta e contraria, spingendolo a testa bassa fra i flutti, i sassi, l'urto impetuoso e travolgente dell'acqua azzurra.
Son stata subito meglio. Ecco, io non ho la pasta per stare, io so stare quando lancio alti i sogni, i progetti, le belle idee, e ogni giorno metto giù la mia piccola pietra, per farli sostanza.
Mi tocca sempre guardare avanti, buttare il sacco oltre l'ostacolo, acchiappare desideri da cullare.
E' la mia condanna. Ma forse è anche la mia grazia.

20 commenti:

  1. Ognuno sceglie la propria natura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu vivessi in mezzo ai bambini, scopriresti che la natura é qualcosa di innato e profondo, che rende un bambino di tre anni completamente diverso dal coetaneo con cui gioca e diametralmente opposto all'amico con cui divide la merenda. Strutture.
      A volte mi capitano bambini che sono pura luce, altre volte creature d'ombra. E così via, per contrasti. Dubito che possano scegliere cosa essere, a quell'età. Sicuramente con la crescita si può (e si dovrebbe) tendere ad evolvere, smussare, conoscersi e porsi obiettivi. Ma la struttura, é la struttura...

      Elimina
  2. E' un sogno estremamente positivo, indice di vitalità profonda.
    Ma da te, cosa potremmo mai aspettarci?
    Ciao maestra bella.

    RispondiElimina
  3. eh ma poi? e il pescatore, il fritto misto? niente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello servono i pesci piccoli... 😂

      Elimina
    2. che poi mi chiedevo: ma mentre eri lì ferma al semaforo arancione prima di svoltare per il viale di tigli, che tu giallosai che io mi ricordo tutto peggio di uno stalker, hai controllato i capelli piccoli? crescono? :P

      Elimina
  4. Non ho mai sognato di essere un pesce o un animale
    Anzi faccio sempre sogni estremamente realistici (che noia)

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei, negli ultimi anni, son tutti un simbolismo...
      Difatti non ci capisco un chez 🙄😀

      Elimina
  5. Sei ancora una monella e il tempo per guardare indietro è distante. Devi solo fare in modo che quando guarderai indietro vedrai solo cose belle,
    e questo è un bel periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...non guardavo indietro, a me capita poco. Piuttosto mi davo da fare per rimettermi sulla mia carreggiata.
      Credo.

      Elimina
  6. E' il tuo modo di essere, fa parte di te.
    E si, credo che sia anche parte della tua grazia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una scassa palle brontolona...innata.
      Oppositiva. Ma anche altro, lo so.

      Elimina
  7. Bisogna anche imparare a stare, giusto ogni tanto, giusto per poco, ché io ti capisco nel tuo non star ferma e andare, sempre andare, eccome se ti capisco...ma imparare le piccole dosi dello "stare" è anche imparare a volersi bene...a me pare così, bionda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E calcola che sono migliorata un sacco.
      Anni fa trafficavo facendo le ore piccole, tutti i santi giorni.
      Adesso sono pigra in confronto...

      Elimina
    2. Non mi racconti nulla ch'io non conosca...ma occorre darsi tempo per accorgersi di tutto, perché nella "furia di vivere" si perdono di vista tante cose. A me è capitato di doverci riflettere sopra anche drammaticamente.
      Ti capisco, sai, non immagini quanto

      Elimina
  8. Sai? È tanto che non mi appisolo, o che non sogno.
    Ieri sera però mi sono assopita, poco dopo l'una locale, nel mio letto, ed ero stanca, provata, ma anche avevo come un senso di calore e protezione... come se qualcuno mi stesse accompagnando nel sogno.
    Ed è stata una sensazione bellissima...

    Il fatto è che lavoro troppo, corro troppo, e la sera sono provata... ma se non lavorassi e non corressi, mi sentirei di non stare facendo niente, mi sentirei... inutile. Senza spina dorsale.

    Che razza di carattere che ho!

    Ti abbraccio,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho presente la sensazione di "abbraccio" di cui parli? Ma davvero, in modo preciso...
      Anch'io ti abbraccio :)

      Elimina
  9. Naturalmente è una questione caratteriale, ma è faticosissimo anche rimaner immobili :)

    RispondiElimina

La vita è così, stupisce

La vita è così, stupisce

Mi piace

  • Paolo Rumiz
  • Passenger
  • Walter Bonatti e Rossana Podestà
  • pita ghiros